Focolaio di Roma, aumentano i casi positivi: ora sono 77

Il focolaio dell'Irccs San Raffaele Pisana di Roma ha raggiunto, ad oggi, un totale di 77 casi positivi e tre decessi, uno nelle ultime 24 ore. I dettagli.

Nel Lazio si registra oggi un incremento di 20 casi positivi al Covid-19, di cui 7 riferibili al focolaio dell’Irccs San Raffaele Pisana di Roma e di questi uno proveniente dalla Asl di Latina e uno dalla Asl di Rieti (parente dell’uomo deceduto nei giorni scorsi).

Continuano ad aumentare i guariti che salgono di 63 unità nelle ultime 24 ore, arrivando 4.596 totali. Mentre i decessi sono stati 6 oggi.

È quanto emerge dal report delle Aziende sanitarie locali del Lazio, reso noto, al termine della task force regionale dei direttori generali della Asl, Aziende ospedaliere, policlinici universitari e ospedale pediatrico Bambino Gesù, che si tiene in videoconferenza con l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato.

Il focolaio dell’Irccs San Raffaele Pisana di Roma ha raggiunto, ad oggi, un totale di 77 casi positivi e tre decessi, uno nelle ultime 24 ore. «Dei sette nuovi casi abbiamo un ulteriore operatore sanitario del policlinico Umberto I, mentre tutti gli altri operatori e pazienti sono risultati negativi al tampone e il reparto interessato è stato sanificato – ha commentato l’assessore D’Amato -. Un ulteriore decesso riferito al cluster si tratta di un uomo di 80 anni proveniente dal San Raffaele Pisana e deceduto al policlinico Gemelli. Da questa mattina sono stati richiamati ai drive-in per effettuare i test sierologici i pazienti dimessi e i loro contatti stretti a partire dal primo maggio. Sono risultati al momento tutti negativi i secondi tamponi effettuati ieri su tutti i pazienti e operatori dell’Irccs San Raffaele Pisana».

Nel Lazio proseguono le attivitù per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine, l’indagine di sieroprevalenza ha superato quota 100 mila test. Per quanto riguarda infine i Dpi – dispositivi di protezione individuale – oggi sono in distribuzione presso le strutture sanitarie: 166.000 mascherine chirurgiche, 46.000 maschere Ffp2, 5.550 maschere Ffp3, 3.550 tute, 14.400 cuffie.

LEGGI ANCHE: Covid-19, l’obesità aumenta la mortalità.