Come mangiare un frutto di fico d’india? I benefici per la salute

Da dove viene il fico d'India, quali sono i benefici per la salute del frutto, come mangiarlo e che sapore ha.

In questo articolo imparerai da dove viene il fico d’India, quali sono i benefici per la salute del fico d’India, come mangiarlo e che sapore ha.

Se ti piace assaggiare nuovi frutti, questo è un piccolo frutto fantastico da provare.

Passiamo alle informazioni!

Da dove vengono i fichi d’India e dove crescono?

Innanzitutto, ci sono due colori o tipi principali di frutti di fico d’india. Quelli viola e quelli giallo-verdastri. Crescono nativamente in climi caldi e aridi, ad esempio crescono molto bene in Arizona e negli altri stati del sud-ovest.

Crescono molto bene in Messico, il che ha senso perché sono originari delle Americhe. Il frutto che producono è comunemente chiamato tonno in Messico e fico d’India negli Stati Uniti. Possono essere trovati in Australia, Bulgaria, Francia, Italia, Portogallo, Spagna e Medio Oriente, tra gli altri luoghi, sono diffusi in tutto il mondo.

Quali sono i benefici per la salute del frutto del fico d’India?

Alcuni dei benefici per la salute del frutto del fico d’India sono:

  • Pieno di antiossidanti, con quelli viola intenso che contengono la maggior parte degli antiossidanti
  • Supportano la salute del fegato
  • Aiutano a combattere l’infiammazione
  • I frutti del cactus sono ricchi di vitamina C, calcio, magnesio e potassio
  • Molto povero di calorie, un frutto è solo circa 40 calorie
  • Sono a basso contenuto di carboidrati e ricchi di fibre.

Come mangiare un frutto di fico d’india?

In primo luogo, se preso in natura, noterai che ci sono diverse spine molto affilate nella pelle, che devono essere rimosse prima di maneggiarle. Se li compri al supermercato, dovrebbero già essere rimossi, ma fai comunque attenzione, a volte ne restano alcune.

Un modo per rimuovere le spine è indossare guanti di pelle e poi arrotolare o strofinare il fico d’India in un tovagliolo di carta o un panno pulito. Se le spine si incastrano nella tua pelle, sono davvero difficili da togliere. Quindi assicurati di rimuoverli!

Quindi affettare il frutto nel senso della lunghezza e nella sua profondità. Ora dovresti essere in grado di staccare la buccia del frutto senza problemi e affettare ciò che rimane e che andrà gustato anche crudo.

Quando lo mordi per la prima volta noterai che ci sono semi croccanti molto duri, che puoi mangiare o semplicemente sputare. Se stai facendo marmellata o qualcosa del genere, li scoli. Si fonderanno bene se messe in un frullato.

Hanno un sapore dolce molto delicato, a seconda della varietà e della maturazione, alcuni sono più dolci di altri. La consistenza mi ricorda una miscela tra kiwi, pera e anguria. Per me ha un sapore gradevole e gradevole. Alcune persone descrivono il sapore come un incrocio tra un’anguria e la classica gomma da masticare.

LEGGI ANCHE: Soffri di colon irritabile? Cosa non dovresti mangiare