Dolore al fianco sinistro: quali sono i rimedi?

Leggi ora il nostro articolo e scopri quali sono i rimedi per risolvere il problema del dolore al fianco sinistro.

Dolore al fianco sinistro:

Quali sono i rimedi in caso di dolore al fianco sinistro? Se ti stai facendo questa domanda, magari perché vivi in prima persona il sintomo sopra menzionato, questo articolo fa per te. Attenzione, però: dal momento che le nostre non sono informazioni di natura medica, prima di attuare qualsiasi cambiamento relativo allo stile di vita contatta il tuo medico curante.

Quali sono le cause del dolore al fianco sinistro?

Per scoprire i rimedi da mettere in atto in caso di dolore al fianco sinistro, bisogna innanzitutto avere un’idea di cosa ha provocato il problema. Le cause della manifestazione a cui è dedicato questo articolo possono essere molto diverse tra loro. Tra queste è possibile includere la rottura della milza, evento provocato quasi sempre da un trauma, per esempio un incidente in auto, ma anche la diverticolite. Quest’ultima è una condizione che si contraddistingue per l’insorgenza di infiammazioni a carico delle estroflessioni in corrispondenza del colon note come diverticoli. Nell’eventualità di un quadro all’insegna della diverticolite, si può avere a che fare anche con gonfiore addominale.

Nell’ambito delle altre cause del dolore al fianco sinistro è possibile citare la pancreatite, il tumore al pancreas, il tumore al colon.

Come risolvere il dolore al fianco sinistro?

Quali sono i rimedi migliori in caso di dolore al fianco sinistro? Tutto dipende dalla causa che ha provocato il problema. Per capire come muoversi è innanzitutto necessario comprendere il momento giusto per rivolgersi al medico. Il professionista di fiducia deve essere contattato nel momento in cui il dolore persiste per giorni, ha forma acuta ed è associato a una sintomatologia febbrile che non accenna a scemare. La situazione va attenzionata anche in caso di sangue nelle urine o nelle feci.

A seconda del quadro clinico, si può procedere in un modo piuttosto che in un altro. In caso di rottura della milza, alcune situazioni possono richiedere un trattamento di chirurgia conservativa con ospedalizzazione del paziente per qualche giorno.

Nelle circostanze in cui, invece, il dolore al fianco sinistro è dovuto a un trauma insorto durante lo sport o a causa della postura viziata, nel momento in cui si accerta l’assenza di fratture può bastare il riposo associato all’applicazione locale della borsa del ghiaccio.

Quando il medico si trova davanti a un quadro caratterizzato da dolore al fianco sinistro, sangue nelle feci e sensazione di pienezza anche a fronte del consumo di una quantità di cibo non eccessiva, il pensiero può cadere sul tumore al colon – retto.

Questa neoplasia, che rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello mondiale, può essere prevenuta grazie ai programmi di screening nazionale. Il professionista che si trova davanti a un paziente sospetto a causa del dolore al fianco sinistro e ai sintomi correlati sopra citati, può prescrivere una colonscopia con successiva biopsia.

In caso di diagnosi della malattia in stadio iniziale, si può ricorrere alla chirurgia, che può essere più o meno conservativa a seconda dell’estensione della massa tumorale. Sia in caso di intervento chirurgico sia nelle situazioni in cui il tumore è avanzato, svolge un ruolo chiave la chemioterapia.