Dagli USA il ‘vaccino’ contro il cancro, i dettagli dei test in corso

Nella clinica di Mount Sinai di New York, un gruppo di scienziati sta lavorando a un nuovo approccio alla cura del cancro: un vaccino.

Nella clinica di Mount Sinai di New York, un gruppo di scienziati sta lavorando a un nuovo approccio alla cura del cancro, un vaccino personalizzato e specifico per ogni paziente. Lo scrive Futura-Sciences.com.

Come nell’immunoterapia diretta contro i tumori, il principio è quello di stimolare gli effettori dell’immunità in modo che riconoscano il cancro e lo distruggano. Il problema è che i benefici di questi trattamenti variano ampiamente. Molto efficaci in alcuni, senza effetto per altri.


Per aggirare questo problema, i medici della clinica di Mount Sinai stanno studiando la possibilità di progettare un vaccino dai peptidi (piccole proteine) contenuti nel tumore di un paziente.

I medici ci stanno lavorando dal 2018, quando hanno sviluppato il protocollo per identificare e purificare i peptidi del cancro. Da allora, è stata avviata una sperimentazione clinica di fase I e i risultati sono stati presentati alla conferenza annuale dell’American Association for Cancer Research. I vaccini personalizzati, testati su 13 persone con diversi tipi di cancro, sembrano essere ben tollerati e hanno mostrato un’efficacia promettente.

Per identificare i peptidi più in grado di indurre una risposta immunitaria robusta ed efficace contro il tumore, gli scienziati hanno istituito un protocollo specifico. Il primo passo è mettere insieme una raccolta di campioni di tumore, il che significa che il paziente deve essere idoneo per le procedure mediche. DNA e RNA vengono isolati dai campioni e quindi sequenziati. Utilizzando questi dati, i 15 peptidi più interessanti vengono selezionati dalla bioinformatica. Sono scelti in base alla loro quantità nel tumore, ma anche in relazione alla loro affinità con MHC, la molecola necessaria alla loro gestione da parte dei linfociti.

I candidati selezionati vengono creati in laboratorio e miscelati con un adiuvante, Poly-ICLC. È «un RNA sintetico e stabilizzato a doppio filamento in grado di attivare diversi recettori dell’immunità innata, rendendolo l’adiuvante ottimale per indurre una risposta immunitaria contro gli antigeni tumorali», ha spiegato Nina Bhardwaj, responsabile del programma immunoterapia presso la clinica di Mount Sinai e responsabile della sperimentazione clinica. Il vaccino personalizzato è quindi pronto per essere iniettato.

Il totale dei 13 partecipanti alla sperimentazione clinica presentava un carcinoma che interessava diversi organi o un mieloma multiplo, con un rischio significativo di ricaduta.

Dopo aver ricevuto i soliti trattamenti per il cancro, come la chirurgia, i partecipanti hanno ricevuto dieci dosi del loro vaccino personalizzato nell’arco di sei mesi. Dopo un follow-up medio di 880 giorni, i risultati sono incoraggianti. L’obiettivo principale di questa sperimentazione è stato raggiunto: garantire che il vaccino sia ben tollerato dai pazienti. Un terzo dei partecipanti ha manifestato sintomi minori nel sito di iniezione.

Per quanto riguarda l’efficacia, è troppo presto per determinare i risultati ma quattro partecipanti non hanno avuto una ricaduta. Altri quattro pazienti sono morti e un altro ha rifiutato di continuare il protocollo.

I medici hanno potuto osservare la presenza di una reazione immunitaria specifica al vaccino per uno dei pazienti, in altri due casi la vaccinazione ha permesso di migliorare l’efficacia di un altro protocollo di immunoterapia antitumorale. Gli scienziati hanno in programma di condurre altri cinque studi clinici di fase I con persone con altri tumori (alla vescica e alla prostata).