Cuscini in memory: cosa sono e quali vantaggi offrono per la salute

La qualità del riposo notturno è molto importante per il benessere psicofisico dell’individuo; questa può essere implementata e migliorata scegliendo accessori adeguati, in grado di abbinare comfort e funzionalità. È opinione comune, da questo punto di vista, che per riposare bene basti avere a disposizione il materasso ‘giusto’, che fornisca un supporto né troppo soffice né troppo duro: in entrambi i casi, infatti, il corpo – ed in particolare la colonna vertebrale – tende ad assumere una postura scorretta che può inficiare notevolmente la qualità del sonno.

In aggiunta, non va sottovalutata l’importanza di avere a disposizione anche un cuscino di buona qualità; il supporto per il collo e per la testa deve avere le stesse prerogative del materasso, fornendo ad una parte molto delicata del corpo il giusto supporto per aumentare il comfort durante il sonno notturno. Da questo punto di vista, una delle opzioni migliori è rappresentata dai cuscini in memory foam: di seguito, vediamo di cosa si tratta e quali sono i vantaggi offerti da un prodotto di questo tipo.

Cosa sono i cuscini in memory foam

I cuscini in memory foam sono realizzati utilizzando un particolare tipo di materiale (detto, appunto, “memory foam”) a base di poliuretano che presenta una consistenza spugnosa, benché ‘foam’, letteralmente, significhi ‘schiuma’. Ciò conferisce a questo tipo di accessorio una prerogativa altamente distintiva, ossia una particolare deformabilità per mezzo della quale il cuscino si adatta alla forma della testa e del collo senza opporre una resistenza troppo blanda oppure eccessiva. In altre parole, i prodotti realizzati con questo materiale sono in grado di ‘ricordare’ (da ciò deriva l’uso del termine ‘memory’) la forma impressa dalla testa, salvo poi riprendere quella originaria quando non è sottoposto ad alcun tipo di pressione; grazie a questa caratteristica fisica, i cuscini in memory foam rappresentano il supporto ideale per il riposo notturno. Non a caso, anche i migliori materassi ergonomici vengono utilizzati impiegando il medesimo materiale.

I vantaggi di un cuscino “memory”

Si è già accennato al fatto che i cuscini in memory foam possano contribuire a migliorare sensibilmente la qualità del sonno e del riposo. Ma come avviene ciò, in concreto? La risposta a questo quesito è piuttosto semplice. Gli articoli di bedding realizzati con questo materiale sono indeformabili; di conseguenza, forniscono al corpo ed alla testa un supporto di densità adeguata, in grado di sorreggere ogni tipo di peso adattandosi in maniera naturale alle caratteristiche fisiche del singolo individuo, mantenendole inalterate anche per un lungo lasso di tempo.

In altre parole, i cuscini ‘memory’, assumendo la conformazione della testa e del collo di chi li utilizza evitano che durante il sonno le strutture muscolari assumano posizioni scorrette che, se mantenute per molte ore, possono provocare stress e, di conseguenza, indolenzimento o, peggio, dolore prolungato. Ragion per cui, gli accessori in memory foam, cuscini compresi, sono in grado di contrastare efficacemente l’artrosi cervicale, il torcicollo e fastidi localizzati che interessano i muscoli o i tendini. Inoltre, non va sottovalutato un altro aspetto: la schiuma poliuretanica di cui sono fatti i memory foam è completamente anallergica mentre le principali alternative (come ad esempio i guanciali in lattice) non garantiscono uno stesso grado di asetticità.

Infine, anche il settore dei cuscini ergonomici è diventato ormai particolarmente ampio e variegato, anche grazie alla presenza di numerosi e-commerce specializzati. Per farsi un’idea più chiara di quali siano le opzioni disponibili sul mercato, è possibile consultare la sezione dedicata ai cuscini in memory su www.eclipsecuscini.com, così da poter individuare in maniera precisa la tipologia di articolo che meglio si adatta alle proprie esigenze, sia per quanto concerne le dimensioni che le caratteristiche tecniche specifiche di ciascun guanciale.