Covid-19 e Vitamina D: uno studio ha svelato la correlazione

Uno studio ha reso noto che l'80% dei pazienti con Covid-19 di una nuova ricerca in Spagna aveva una carenza di Vitamina D.

Uno studio pubblicato martedì sul “Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism” della Endocrine Society ha reso noto che l’80% dei pazienti con Covid-19 di una nuova ricerca in Spagna aveva una carenza di Vitamina D.

Correlazione tra Covid-19 e vitamina D: lo studio

Sono stati i ricercatori dell’ospedale universitario Marques de Valdecilla di Santander in Spagna a scoprire che l’82% dei pazienti Covid-19 ospedalizzati (che non stavano assumendo integratori) erano carenti di vitamina D.

Sono stati 216 i pazienti ricoverati in ospedale per il trattamento del Coronavirus tra il 10 marzo e il 31 marzo a cui stati esaminati i livelli di vitamina D.

Lo studio ha anche evidenziato che i livelli di questa vitamina erano “particolarmente bassi” negli uomini con Covid-19 rispetto alle donne.

Il Dr. Jose Hernandez, coautore dello studio e professore associato di neurofisiologia presso l’Università della Cantabria in Spagna, ha affermato che ci sono molti fattori che potrebbero spiegare perché gli uomini con Covid-19 avevano livelli di vitamina D inferiori rispetto alle donne, per lo stile di vita o abitudini alimentari e diverse comorbidità.

Gli autori dello studio hanno inoltre affermato che ci sono evidenze scientifiche che suggeriscono che la vitamina D gioca un ruolo essenziale nell’infezione da Covid-19: una vitamina prodotta dai reni che controlla la concentrazione di calcio nel sangue e influenza la funzione del sistema immunitario.

Una sua carenza è stata collegata anche a problemi di salute tra cui malattie cardiache, diabete, cancro e sclerosi multipla.

Secondo lo studio, ci sono anche “prove convincenti” per un’associazione epidemiologica tra bassi livelli di vitamina D e altre infezioni (influenza, HIV e il virus dell’epatite C).

“Ci sono numerose prove in letteratura che supportano l’effetto benefico della vitamina D sul sistema immunitario, in particolare per quanto riguarda la protezione contro le infezioni, comprese le infezioni virali”, ha detto il Dr. Hernandez in una e-mail a CTVNews.ca domenica.

Nonostante lo studio abbia dimostrato dei dati e dei risultati non trascurabili, il Dr. Hernandez afferma: “Dobbiamo aspettare i risultati degli studi in corso di grandi dimensioni e adeguatamente progettati per determinare se la vitamina D può prevenire l’infezione da SARS-CoV-2 o ridurne la gravità”.

Data la sicurezza e il basso costo dei trattamenti con essa, il Dr. Hernandez ha affermato che sarebbe ragionevole trattare coloro che sono maggiormente a rischio di carenza di questa vitamina – come gli anziani e coloro che hanno delle comorbidità – e che sono anche i più a rischio di sviluppo di esiti gravi da Covid-19.