Cos’è la castrazione chimica?

La castrazione chimica è stata sperimentata in Svezia, Danimarca e Canada.

0
castrazione-chimica

La castrazione chimica è l’uso di farmaci anafrodisiaci per diminuire il desiderio sessuale e la libido, con un trattamento minimo che dura dai tre ai cinque anni.

È stata sperimentata in Svezia, Danimarca e Canada con esiti dalla Scandinavia che suggeriscono di poter ridurre i tassi di recidiva dal 40% al 5%.

La castrazione chimica si differenzia da quella chirurgica anche perché non comporta la rimozione fisica dei genitali. Inoltre, il trattamento deve essere continuo, altrimenti la castrazione chimica perde di efficacia.

La Leuprorelina è uno dei farmaci usati per trattare le difficoltà nel controllare l’eccitazione sessuale, le fantasie sessuali o gli stimoli, il sadismo o altre tendenze pericolose.

[amazon_link asins=’B018MBDTZ6,B01C370Q1U,B07375M8LX,B004RGQ020,B071ZL3RL2,B075RGVV7G,B009R6CIW6,B079C38VSF’ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’48187246-8c3f-11e8-b9f2-fb0aad2a39fd’]

Altri farmaci usati nella castrazione chimica – medrossiprogesterone acetato, ciproterone acetato e LHRH – riducono il testosterone e l’estradiolo.

Anche negli uomini, l’estrogeno gioca un ruolo importante nella crescita scheletrica, nella funzione cerebrale e nel processo cardiovascolare.

Per questo motivo, gli effetti collaterali comprendono osteoporosi, malattie cardiovascolari, depressione, vampate di calore e anemia.

Commenti