Cosa mangiare e cosa evitare quando assumiamo gli antibiotici

Gli antibiotici sono un modo per combattere le infezioni ma molti non sanno che ci sono alcuni alimenti da mangiare e altri da evitare durante la loro assunzione.

Gli antibiotici sono un modo per combattere le infezioni ma molti non sanno che ci sono alcuni alimenti da mangiare e altri da evitare durante la loro assunzione.

La terapia antibiotica è, infatti, la prima linea di trattamento per la maggior parte delle infezioni batteriche. Sfortunatamente, questi farmaci non sono privi di effetti collaterali.

Raramente, possono causare una varietà di sintomi spiacevoli come:

  • gonfiore;
  • diarrea;
  • nausea;
  • dolore addominale.

Sebbene questi effetti collaterali siano generalmente lievi, transitori e innocui, possono diventare gravi e segnalare la necessità di un cambiamento nella terapia.

A volte, i pazienti scoprono di poter controllare questi effetti collaterali o addirittura eliminarli completamente con solo pochi cambiamenti nell’alimentazione. In altri casi, è un determinato cibo che causa il problema e rimuoverlo può essere sufficiente.

Perché gli antibiotici causano problemi allo stomaco?

Quando stiamo bene, il corpo mantiene un equilibrio di batteri buoni e cattivi nell’intestino.

Il rapporto naturale tra i batteri buoni e quelli cattivi è impostato alla giusta velocità per far convivere entrambi senza causare alcun danno. Quando assumiamo gli antibiotici, però, i farmaci colpiscono anche i batteri buoni. L’intestino, di conseguenza, perde il delicato equilibrio, portando ai disturbi gastrointestinali e ad altri sintomi spiacevoli.

LEGGI ANCHE: Nina Moric torna su Instagram e scrive: “Sono ai domiciliari”.

donna-farmaci.antibiotici

I cibi da mangiare quando si assumono gli antibiotici

La maggior parte degli alimenti da mangiare quando si assumono gli antibiotici contiene probiotici o prebiotici.

  • Prebiotici – I prebiotici sono i ‘mattoni’ per i batteri intestinali sani. Quando li ingeriamo, aiutano a rendere il nostro intestino un luogo amichevole per la crescita dei batteri più sani. Si trovano, ad esempio, nello yogurt;
  • Probiotici: – Come i prebiotici, i probiotici nutrono i batteri buoni, aiutandoli a crescere e a prosperare. Anche il latte rappresenta una fonte, come il già citato yogurt;
  • Kimchi e prodotti a base di soia fermentata – Oltre ad essere probiotici e prebiotici, sono anche ricchi di un batterio critico per la digestione, chiamato Kimchi e prodotti a base di soia fermentata vengono caricati con probiotici e prebiotici. Sono anche ricchi di un altro batterio critico per la digestione chiamato Bifidobatterio;
  • Alimenti ricchi di vitamina K – Il trattamento antibiotico raramente può portare a una carenza di vitamina K che può contribuire agli squilibri batterici. Si raccomanda di consumare verdure a foglia verde e uova;
  • Olio di cocco – Questo trigliceride a catena media contiene acidi grassi che possono aiutare a ridurre il rischio di sviluppare un’infezione da lievito legata agli antibiotici (importante, quindi, soprattutto per le donne).

LEGGI ANCHE: Cristina Parodi non compra più carne per salvare il Pianeta. Fa bene?

I cibi da evitare quando si assumono gli antibiotici

Ci sono alcuni alimenti che dovremmo evitare di consumare durante gli antibiotici, perché interferiscono con l’assorbimento o perché la combinazione ci può fare sentire male.

  • Pompelmo – Dovremmo evitare sia il frutto che il succo. Contiene composti che possono impedire al corpo di assorbire correttamente gli antibiotici, così come gli altri farmaci;
  • Eccesso di calcioAlcuni studi hanno dimostrato che l’eccesso di calcio interferisce con l’assorbimento. Per raggiungere risultati ottimali, attenersi ai prodotti lattiero-caseari fermentati fino al termine della terapia antibiotica;
  • Alcol – La miscelazione di alcol e antibiotici può portare a una serie di spiacevoli effetti collaterali. I più comuni sono: aumento della nausea; dolore addominale; vertigini; problemi di frequenza cardiaca. Si dovrebbe evitare l’alcool per tutta la durata del trattamento e per 48-72 ore dopo la fine del trattamento;
  • Zuccheri e lievito – Per alcuni pazienti (in particolare le donne) l’uso degli antibiotici può portare a infezioni da candida (lievito). Si consiglia, quindi, di evitare cibi ricchi di zucchero. Ciò è particolarmente importante se ci accorgiamo che quasi sempre sviluppiamo un’infezione da lievito dopo un ciclo di antibiotici.

LEGGI ANCHE: Orzaiolo, due rimedi per farlo andare via.