Coronavirus, torna l’allarme nelle Marche: 11 nuovi casi positivi

Nelle Marche torna l'allarme coronavirus: Il GORES ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati rilevati 11 casi positivi su 607 campioni esaminati.

coronavirus

Nelle Marche torna l’allarme coronavirus. Il GORES ha, infatti, comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati rilevati 11 casi positivi su 607 campioni esaminati con un rapporto tamponi/positivi pari a 1,8: quattro in provincia di Pesaro, legati al focolaio di Montecopiolo, quattro in provincia di Macerata (uno proveniente dall’estero, uno paucisintomatico ossia affetto da sintomi lievi con tampone effettuato a domicilio da Usca e due individuati con tampone propedeutico ad attività sanitarie), uno in provincia di Fermo e già in isolamento e due in provincia di Ascoli Piceno appartenenti a un cluster familiare individuato per accesso a prestazioni sanitarie.

«I risultati di oggi – ha affermato il presidente della Regione Luca Ceriscioli – hanno dimostrato che non è ancora arrivato il momento di abbassare la guardia e che gli assembramenti causano livelli importanti di contagio, come sta avvenendo a Montecopiolo in seguito a una festa a cui hanno partecipato molte persone. Oggi più che mai il contenimento della diffusione del virus fa capo alla responsabilità di ciascuno ed è indispensabile che quando ci si trova nei luoghi pubblici, in mezzo a tante persone, si adottino tutti i comportamenti e si prendano tutte le precauzioni necessarie per evitare di contagiarsi a vicenda».

Il governatore marchigiano ha ricordato la necessità di rispettare il giusto distanziamento, di usare correttamente la mascherina e di pulirsi frequentemente le mani.

coronavirus

LEGGI ANCHE: Coronavirus, lo scudo genetico che potrebbe avere difeso il Sud Italia.

«I casi rilevati nelle province di Macerata, Fermo e Ascoli sono l’esito di precisi percorsi e controlli diagnostici ormai di routine, come il monitoraggio delle persone in rientro dall’estero, dei contatti dei positivi e dei pazienti che vengono testati prima di sottoporsi a interventi medici – ha concluso Ceriscioli -. Queste attività consentono di individuare e mettere velocemente in isolamento le persone positive, fino a oggi hanno dato risultati importanti contro la diffusione del virus e non possiamo vanificarli con comportamenti che ancora non ci possiamo permettere di adottare».

In totale, dall’inizio dell’epidemia i contagiati, esclusi quelli presenti nel focolaio dell’Hotel house di Porto Recanati, sono 6.791 su 88.811 test effettuati: 1.883 in provincia di Ancona, 2.783 in provincia di Pesaro Urbino, 1.162 in provincia di Macerata, 476 in provincia di Fermo e 296 in provincia di Ascoli Piceno.

LEGGI ANCHE: Vaccino anti Covid-19: “In commercio già all’inizio del 2011”