Come curare la tiroide?

Gli approcci cambiano a seconda del tipo di problema a carico della ghiandola.

come curare la tiroide

La salute della ghiandola tiroide è importantissima. Da essa, infatti, dipendono diversi meccanismi fondamentali per il benessere. Non è un caso che ci siano tantissime persone che si chiedono come curare la tiroide. Se stai cercando una risposta a questa domanda, nelle prossime righe di questo articolo puoi trovarla. Ricorda in ogni caso che, qualora dovessero sorgere dubbi sulla tua salute, il punto di riferimento principale deve essere sempre e solo il medico curante.

Come curare la tiroide con l’alimentazione

La dieta riveste un ruolo cruciale in diversi ambiti della vita. Tra questi, rientra anche il buon funzionamento della tiroide. Quando ci si chiede come curare la tiroide con l’alimentazione, è innanzitutto necessario ricordare che l’approccio deve essere customizzato sulla base della problematica che riguarda la ghiandola.

Entrando nel vivo degli alimenti consigliati troviamo innanzitutto quelli privi di glutine. Spazio quindi a riso, a cereali come il miglio, senza dimenticare il mais e il grano saraceno. Quando ci si chiede come curare la tiroide e si guarda ai vantaggi dell’alimentazione, non si possono non chiamare in causa gli affettati. Attenzione, però: devono essere privi di lattosio, nitrati e nitriti.

Chi ha bisogno di dare un boost alla funzionalità tiroidea dovrebbe aggiungere alla dieta – ovviamente fanno eccezione i casi in cui ci sono controindicazioni a livello medico – anche i tuberi. Oltre alle patate – particolarmente consigliate per la funzionalità tiroidea grazie alla loro ricchezza in selenio – è il caso di citare le batate e la barbabietola rossa (quest’ultima è nota anche per essere una fantastica fonte di folati e vitamina C).

Infiammazione tiroide: sintomi e cure

Per curare la tiroide è necessario essere consapevoli dei sintomi che devono far pensare a un suo funzionamento non perfetto. Quali sono? Nel caso della tiroide infiammata, si può parlare di manifestazioni come l’eccessiva stanchezza, l’aumento della sensibilità al freddo, per non parlare dei problemi di peso. Da non trascurare è anche il sintomo del viso gonfio.

Come curare la tiroide in questi casi? Dipende tutto dalla diagnosi specifica fornita dal medico. Nel caso in cui, per esempio, la refertazione parla di tiroidite di Hashimoto, si può intervenire con l’assunzione di levotiroxina, ossia l’ormone tiroideo T4. Questo approccio viene adottato anche nei casi di ipotiroidismo..

Nelle situazioni in cui ci si trova davanti a un quadro di tiroidite subacuta, la strada per la cura è spesso caratterizzata dall’assunzione di farmaci corticosteroidi. La sopra citata terapia ormonale sostitutiva viene chiamata in causa anche quando si ha a che fare con la tiroidite post partum, una disfunzione a carico della ghiandola tiroidea che, dopo la gravidanza, colpisce circa il 5% delle donne entro un anno dal compimento del primo anno del neonato.

Come curare la tiroide nei casi in cui i problemi sono stati provocati dall’assunzione di farmaci? in questo caso, il punto di riferimento è quasi sempre il già citato ricorso ai farmaci corticosteroidi.

Concludiamo con un cenno alla tiroidite infettiva – condizione molto rara e conosciuta anche come “tiroidite acuta” – che si cura generalmente con l’assunzione di antibiotici.

LEGGI ANCHE: Perché è importante mangiare la banana?