Cirrosi epatica: cos’è, cause, sintomi e trattamento

La cirrosi è una grave condizione epatica responsabile di molti decessi. Ma quali sono i sintomi della cirrosi e di cosa si tratta?

0

Il fegato è un organo vitale e uno dei più grandi nel corpo umano. Situato nella parte destra dell’addome tra il diaframma e lo stomaco, svolge molte funzioni: filtra le tossine, immagazzina e trasforma i nutrienti assorbiti dall’intestino. Produce anche le proteine ​​che aiutano a coagulare il sangue, la bile per l’assorbimento dei grassi…

La cirrosi è una malattia del fegato. È caratterizzata dalla progressiva sostituzione del tessuto epatico sano con noduli e tessuto fibroso e ciò altera progressivamente la funzionalità epatica. È una malattia grave e irreversibile che può rimanere stabile o evolversi.

Cause: come si verifica la cirrosi?

La cirrosi molto spesso deriva da un danno epatico cronico. È causato dal 75% al 90% dall’abuso di alcol. In misura minore, può anche essere causata da un’infezione virale, inclusa l’epatite B (5% dei casi) o l’epatite C (dal 15% al 25% dei casi).

LEGGI ANCHE: Cancro al fegato: tipi, cause e sintomi.

Sintomi della cirrosi

La cirrosi è una malattia silenziosa che si verifica solo dopo che l’80% delle cellule del fegato sono colpite. Ed è soltanto allora che compaiono i sintomi:

  • grande stanchezza, accompagnata da perdita di appetito e dimagrimento (primi segni);
  • nausea e diarrea;
  • umento del volume dell’addome (accumulo di liquido nella pancia);
  • ittero;
  • emorragia digestiva (emergenza medica): feci nere e vomitare sangue.

Questi sintomi generali spesso portano i pazienti a consultare e ad eseguire un controllo sanitario. In caso di sospetto di cirrosi, il medico proverà a palpare il fegato, la milza e cercherà la presenza di arrossamento sui palmi delle mani o sulla pelle.

Per confermare la diagnosi, è necessario eseguire una biopsia epatica così da visualizzare le lesioni fibrotiche caratteristiche. Un esame del sangue valuterà il funzionamento del fegato e un’ecografia aiuterà a chiarire l’aspetto dell’organo.

LEGGI ANCHE: Sigarette elettroniche: scoperto altro pessimo effetto sulla salute.

Come trattare la cirrosi?

La cirrosi è una malattia irreversibile. Non esiste un trattamento efficace, oltre al trapianto di fegato. Il paziente può tuttavia limitare i fattori aggravanti trattando la causa della malattia.

Quando la cirrosi è causata dall’alcol, ovviamente bisognerà non bere più alcolici. Nel caso della cirrosi associata a una sindrome metabolica, come il diabete, il paziente deve perdere peso, controllare il diabete e abbassare il livello di lipidi nel sangue. Infine, se causata da epatite virale, dovranno essere somministrati trattamenti antivirali.

In misura minore, il paziente con la cirrosi deve cambiare il suo stile di vita.Anche il consumo di tabacco deve essere interrotto. Alcuni farmaci possono avere effetti tossici sul fegato e devono essere evitati. Si raccomanda sempre di parlare con un medico.

Complicanze della cirrosi

Senza gestione o con uno stile di vita inadatto, la cirrosi epatica può portare a uno stadio chiamato scompenso, in cui l’organo non è più in grado di svolgere le sue funzioni. Ciò porta a complicazioni come l’ittero (la pelle e il bianco degli occhi diventano gialli), l’encefalopatia o la comparsa di vene varicose nell’esofago.

La cirrosi epatica può anche causare un aumento delle infezioni batteriche e il cancro al fegato. Quando la cirrosi è avanzata al punto da minacciare la vita del paziente, l’unica opzione possibile è il trapianto di fegato.

Tuttavia, l’operazione non è priva di rischi e richiede un donatore compatibile. I tempi di attesa possono essere lunghi.

LEGGI ANCHE: A soli 9 anni sta per laurearsi in ingegneria elettronica.