Cancro al seno, scoperto strumento per identificare le pazienti che possono fare a meno della chemioterapia

Un team di ricercatori ha presentato un nuovo strumento in grado di identificare le pazienti che possono fare a meno della chemioterapia per il cancro al seno.

0
cancro-seno

Ci stiamo avvicinando alla fine della chemioterapia sistematica per le donne con il cancro al seno?

I nuovi progressi della medicina suggeriscono la possibilità di un trattamento personalizzato e, quindi, più efficace per le donne sotto i 50 anni colpite da questo tipo di tumore.

L’anno scorso, alla conferenza annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO), i ricercatori hanno presentato i risultati dello studio originale TAILORx.

È stato dimostrato che, nelle donne con il carcinoma mammario privo di ormoni senza i recettori HER2 (vale a dire senza alcun trattamento mirato possibile) e senza il coinvolgimento dei linfonodi (come accade nel 50% dei tumori), la realizzazione di un test chiamato Oncotype DX Breast Recurrence Score (punteggio di recidiva genetica) potrebbe evitare la chemioterapia e basarsi sulla terapia ormonale dopo l’intervento.

Secondo gli autori dello studio, l’integrazione di questo strumento potrebbe ridurre del 70% la necessità della chemioterapia nelle donne con il cancro al seno.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista New England Journal of Medicine.

Secondo i ricercatori, il test del punteggio di recidiva genetica potrebbe non soltanto aiutare a identificare le giovani donne che possono fare a meno della chemioterapia ma anche aiutare a identificare chi possa beneficiare di una terapia antiestrogenica più efficace.

I risultati di TAILORx dello scorso anno hanno fornito ai medici dati di alta qualità che gli hanno permesso di formulare raccomandazioni terapeutiche personalizzate per le donne“, ha affermato Joseph Sparano, autrice principale dello studio.

Più specificamente, come si apprende da PourquoiDocteur.fr, questo strumento consente di assegnare un punteggio di recidiva genetica (SR) da 0 a 100 analizzando le anomalie che possono riguardare 21 geni del tumore al seno. Ad esempio, nelle pazienti con un punteggio compreso tra 0 e 10, è passato molto tempo da quando sono state sottoposte alla chemioterapia oltre alla terapia ormonale. Poi, in quelle con un punteggio da 26 a 100, la chemioterapia è sistematica. La domanda, quindi, sorge per le donne che hanno un punteggio intermedio tra 11 e 25.

Per questa nuova analisi, i ricercatori hanno fatto affidamento sui risultati ottenuti nel primo studio, vale a dire il punteggio di recidiva del rischio clinico delle 9.427 donne partecipanti allo studio TAILORx.

I ricercatori hanno, quindi, studiato la relazione tra età al momento della diagnosi e i benefici della chemioterapia nel gruppo delle donne più giovani (50 anni o meno) con un punteggio di recidiva genetica compreso tra 16 e 25 ed è stato constatato che la chemioterapia non dava alcun beneficio.

I ricercatori hanno, poi, analizzato l’associazione tra età alla diagnosi e i benefici della chemioterapia in questo gruppo per determinare se l’integrazione del punteggio di recidiva e il rischio clinico potessero aiutare a identificare le donne in premenopausa che potrebbero trarne beneficio da una terapia anti-estrogenica. Ebbene, ciò ha rivelato un beneficio per le donne tra i 46 e i 50 anni che erano in premenopausa ma non per le donne in postmenopausa, e una tendenza verso la chemioterapia per le donne di età compresa tra i 41 e i 45 anni.

D’altra parte, nessun beneficio è stato riscontrato nelle donne di 40 anni o meno con un rischio più basso di sviluppare una menopausa precoce a seguito della chemioterapia.

Con questa nuova analisi, è chiaro che le donne di età pari o inferiore ai 50 anni con un punteggio di recidiva tra 16 e 20 e a basso rischio clinico non richiedono la chemioterapia“, ha affermato la dott.ssa Sparano.

Commenti