Brufoli blu fluorescenti sulla testa di un bambino, cosa gli è successo?

Un bambino si è recato in ospedale con dei brufoli blu fosforescenti nella testa. Cosa gli è successo? I dettagli.

Un bambino si è recato in ospedale con dei brufoli blu fosforescenti nella testa. Cosa gli è successo? Scopriamolo nell’articolo.

Il caso

Un bambino di 6 anni si reca in una clinica di dermatologia con i suoi genitori. La scena si svolge a Hangzhou, in Cina. Il bambino non smette di grattarsi la testa e per una buona ragione: ha un’eruzione cutanea sul viso e sul cranio da più di tre mesi. Il prurito è così intenso che sta perdendo i capelli a chiazze. A prima vista, sembra soffrire solo di una condizione della pelle come eczema o psoriasi.

Ma due segnali portano i medici su un’altra pista. Il ragazzo ha i linfonodi ingrossati appena dietro le orecchie, indicando un’infezione. Soprattutto, i brufoli che presenti sul suo cranio si illuminano di blu fluorescente se visti sotto la luce UV.

Sulla diagnosi non c’erano dubbi: il ragazzo presentava tigna dei capelli (Tinea capitis). Restava da scoprire il microrganismo da cui traeva origine.

La causa

Un campione di capelli imbevuti di idrossido di potassio rivelerà il colpevole. Al microscopio, i medici osservano dei piccoli organismi blu, segmentati a forma di vermi. Non è un batterio o un parassita ma l’ifa di un fungo microscopico della famiglia dei dermafiti: il Microsporum canis.

Come suggerisce il nome, Microsporum canis infetta i cani , ma anche gatti e altri animali domestici. Il fungo è responsabile del 90% dei casi di tigna contratta dai nostri amici a quattro zampe. Gli animali contaminano gli esseri umani, e più in particolare i bambini sotto i 12 anni, per contatto diretto o attraverso i capelli che trasportano il fungo. Questo fungo attacca la cheratina che forma il capello, provocando così alopecia a volte irreversibile . L’infiammazione locale conseguente attacca l’ epidermide che si desquama.

Il giovane paziente è stato quindi contagiato da un animale contaminato, ma la sua famiglia non ha animali da compagnia. Potrebbe invece essere stato in contatto con un cane durante un soggiorno in campagna effettuato qualche mese prima e che coincide con la comparsa dei primi sintomi.

La dermatofitosi viene trattata con molecole antimicotiche che impediscono la sintesi del principale costituente della membrana plasmatica del fungo , essenziale per la sua sopravvivenza. Dopo sei settimane di trattamento, il giovane paziente si è liberato dell’infezione e non ha avuto ricadute.

LEGGI ANCHE: Prosopagnosia, qual è la malattia di Enrica Bonaccorti?