Amebiasi, definizione, cause e sintomi

L'amebiasi è un'infezione parassitaria dell'intestino che può causare sintomi gravi. In questo articolo vi diremo cos'è e quali sono le cause.

L’amebiasi è un’infezione parassitaria dell’intestino che può causare sintomi gravi.

Cos’è l’amebiasi?

L’amebiasi è un’infezione parassitaria dell’intestino causata dall’ameba Entamoeba histolytica, o E. histolytica.

L’amebiasi è comune nei paesi tropicali con scarsi servizi igienico-sanitari. È più comune nel subcontinente indiano, in parti dell’America centrale e meridionale, in Messico e in parti dell’Africa.

Le persone a maggior rischio di amebiasi includono:

  • persone che hanno viaggiato in località tropicali dove ci sono scarsi servizi igienici
  • immigrati provenienti da paesi tropicali con condizioni sanitarie scarse
  • persone che vivono in istituzioni con scarse condizioni sanitarie, come le carceri
  • persone con sistema immunitario soppresso e altre condizioni di salute

Quali sono le cause?

E. histolytica di solito entra nel corpo umano quando una persona ingerisce le cisti attraverso cibo o acqua. Può anche entrare nel corpo attraverso il contatto diretto con le feci.

Le cisti sono una forma relativamente inattiva del parassita che può vivere per diversi mesi nel suolo o nell’ambiente in cui si sono depositate. Le cisti microscopiche sono presenti nel terreno, nel fertilizzante o nell’acqua contaminata da feci infette.

La trasmissione è possibile anche durante il sesso anale, il sesso orale-anale e l’irrigazione del colon.

Quando le cisti entrano nel corpo, si depositano nel tratto digestivo. Quindi rilasciano una forma invasiva e attiva del parassita chiamata trofozoite. I parassiti si riproducono nel tratto digerente e migrano nell’intestino crasso. Lì possono scavare nella parete intestinale o nel colon.

Quali sono i sintomi dell’amebiasi?

La maggior parte di persone affette da amebiasi non sviluppano sintomi. Nonostante ciò, questa infezione parassitaria può causare diarrea sanguinolenta, colite e distruzione dei tessuti. La persona può quindi diffondere la malattia rilasciando nuove cisti nell’ambiente attraverso le feci infette.

Quando si verificano i sintomi, essi tendono a comparire da 1 a 4 settimane dopo l’ingestione delle cisti. I sintomi in questa fase tendono ad essere lievi e comprendono feci molli e crampi allo stomaco.

In una rara complicanza della malattia, i parassiti possono violare le pareti intestinali, entrare nel flusso sanguigno e viaggiare verso vari organi interni. Più comunemente finiscono nel fegato, ma possono anche infettare il cuore, i polmoni, il cervello o altri organi.

Se il parassita invade il rivestimento dell’intestino, può causare dissenteria amebica. La dissenteria amebica è una forma più pericolosa di amebiasi con frequenti feci acquose e sanguinolente e forti crampi allo stomaco.

Un’altra complicanza molto rara è la colite amebica necrotizzante fulminante, che può distruggere il tessuto intestinale e portare a perforazione intestinale e peritonite.

Il fegato è una destinazione frequente per il parassita, dove può causare una raccolta di pus chiamata ascesso epatico amebico. I sintomi includono febbre e dolore nella parte superiore destra dell’addome.

LEGGI ANCHE: Solletico alle orecchie, sai quali sono le cause?