Alzheimer: un’infezione alle gengive può essere all’origine della malattia

Le infezioni gengivali, come la paradontite, sarebbero all'origine dello sviluppo dell'Alzheimer. Ecco perché.

0
Gengivite

Secondo un nuovo studio condotto da un team di ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago, l’esposizione a lungo termine ai batteri che causano la malattia parodontale provoca infiammazione e degenerazione dei neuroni del cervello simili agli effetti del cancro: il morbo di Alzheimer.

I risultati, pubblicati su PLOS ONE, indicano che un’infezione comune delle gengive potrebbe essere la causa dell’Alzheimer, oggi incurabile.

Altri studi hanno precedentemente dimostrato una forte associazione tra la parodontite e il deterioramento cognitivo, ma questa è la prima ricerca che dimostra che l’esposizione ai batteri parodontali porta a placche che accelerano lo sviluppo della neuropatologi nei pazienti con il morbo di Alzheimer“, ha affermato il dott. Keiko Watanabe, direttore dello studio e specialista in parodontologia. “Questa è stata una grande sorpresa, non ci aspettavamo che il patogeno parodontale esercitasse un’influenza tanto maggiore sul cervello o che i suoi effetti assomiglino a quelli del morbo di Alzheimer“, ha aggiunto.

Per studiare l’impatto del batterio sulla salute del cervello, il team ha applicato i batteri parodontali nella bocca di dieci topi selvatici. Dieci altri topi sono serviti da gruppo di controllo. Dopo 22 settimane di sperimentazione, i ricercatori hanno studiato il tessuto cerebrale di tutti i topi e confrontata la salute del cervello.

I ricercatori hanno poi scoperto che i topi esposti ripetutamente ai batteri avevano quantità molto più elevate di beta-amiloide accumulato, una sostanza che si trova nel tessuto cerebrale dei pazienti con l’Alzheimer. Quei roditore, inoltre, hanno anche sofferto maggiore infiammazione del cervello e hanno avuto molti neuroni danneggiati.

Inoltre, il DNA dei batteri parodontali è stato trovato nel tessuto cerebrale.

I nostri dati non solo dimostrano il movimento dei batteri dalla bocca al cervello, ma anche che l’infezione cronica provoca effetti neuronali simili a quelli del morbo di Alzheimer“, hanno osservato i ricercatori. Dal loro punto di vista, è essenziale comprendere la causalità e i fattori di rischio per lo sviluppo dell’Alzheimer così da sviluppare nuovi trattamenti.

Commenti