I 7 tipi di feci da conoscere per la vostra salute

Non tutte le feci sono uguali. Forma e consistenza della cacca possono cambiare a seconda delle abitudini alimentari.

Non tutte le feci sono uguali. Idealmente, la nostra ‘cacca‘ dovrebbe avere una forma a ‘salsiccia’, segno di buona salute. Ma non è sempre così. La forma e la consistenza possono cambiare a seconda delle abitudini alimentari. Inoltre, possono avvertire in caso di malattia.

Di conseguenza, meglio conoscere i 7 tipi di feci che provengono da una classificazione chiamata ‘scala Bristol‘, molto utile ai medici perché gli consente di analizzare velocemente il disturbo di cui soffre il paziente.

Palline dure

Probabilmente le conosci, sembrano escrementi di coniglio. Molto dure e distanziate, queste feci a pallina sono piuttosto complicate da espellere. Di solito sono un segno di stitichezza. Inoltre, evidenziano la mancanza di acqua e di frutta e verdura fibrosa.

Feci raccolte a forma di salsiccia

Molto simile al primo tipo ma le palline di feci sono aggregate. Rappresentano un segno meno grave di stitichezza. Bisogna continuare a mangiare più frutta e verdura e a bere di più.

Feci a salsiccia ma con crepe in superficie

Nessun segno di cattive abitudini alimentari. Si raccomanda di bere un po’ di più per ottenere la forma e la consistenza perfette.

Feci a salsiccia lisce

Il transito intenzionale funziona perfettamente e non ci sono difficoltà a espellere le feci. Inoltre, queste feci lisce a salsiccia non lasciano quasi traccia sulla carta igienica.

Piccoli pezzi di feci irregolari

Sono del tutto normali, soprattutto se si va in bagno più volte al giorno. Questi piccoli pezzi di feci irregolari sono facili da espellere. Attenzione, però, evidenziano che l’intestino non funziona in modo ideale e può essere un segno dell’inizio della diarrea.

Feci liquide con pezzi

In caso di questa consistenza liquida, probabilmente si soffre di diarrea moderata. Forse, c’è l’ingestione di troppi grassi.

Feci liquide

Si tratta di diarrea. Consultare un medico il prima possibile.

LEGGI ANCHE: Cosa c’è da sapere sull’ulcera gastroduodenale