Vlogger muore dopo avere mangiato un millepiedi in diretta streaming

Un uomo di 35 anni in Cina è morto dopo essere andato in diretta sul web per mostrare di essere capace di mangiare un millepiedi.

Un uomo in Cina è morto dopo essere andato in diretta sul web per mostrare di essere capace di mangiare un millepiedi.

L’uomo, noto come Sun, era un vlogger sulla piattaforma cinese DouYu. Per avere più follower possibili, Sun aveva pianificato di mangiare ciò che avrebbe indicato una ruota dopo avere terminato un giro. La ruota comprendeva gechi, vermi, aceto, uova, millepiedi, birra e liquore distillato. Sia i gechi che gli altri insetti dovevano essere mangiati vivi.

Il 35enne di Hefei, nella provincia di Anhui, è stato trovato sabato scorso dalla polizia privo di sensi e di segni vitali, con il computer che ancora trasmetteva in streaming. Due notti prima, secondo quanto riportato dagli inquirenti, Sun aveva mangiato in diretta millepiedi velensoi. I suoi video sono stati rimossi dal sito.

Il tipo di millepiedi che l’uomo ha mangiato è sconosciuto, sebbene la maggior parte delle specie né uccide né causa danni significativi. Tuttavia, ci sono state segnalazioni di gravi ferite e di decessi come conseguenza di morsi di alcune specie velenose.

Il veleno degli scorpioni può essere importante nella lotta al tumore al cervello / Lo studio

Come riportato su Iflscience.com, un uomo ad Ozarks, nel Missouri (USA), fu morso qualche tempo fa da un millepiedi del deserto e costretto a recarsi in ospedale per un trattamento d’emergenza dopo che il braccio gonfiò così tanto da diventare “grande come la mia faccia“. Qui la notizia.

Nel 2013 una donna thailandese morì dopo un grave gonfiore e un forte dolore a seguito del morso di un millepiedi cinese.

Erba velenosa scambiata per zafferano: coppia muore in Trentino

Poi, i morsi del millepiedi con la testa d’oro trovati in Asia orientale e in Australia possono causare dolori lancinanti e non sorprende che possono uccidere topi con una dimensione superiore a 15 volte e in soli 30 secondi. Il loro veleno distrugge i sistemi cardiovascolare, respiratorio, muscolare e nervoso nello stesso tempo, secondo uno studio pubblicato qui.