Variante Omicron, quanto tempo ci vuole per il vaccino?

Se per affrontare Omicron “dovessimo adattare i vaccini” siamo nella posizione di approvarli “in tre-quattro mesi”. Ma prima occorre stabilire “se serve l’adattamento”. Lo ha detto la direttrice esecutiva dell’EMA (Agenzia Europa del Farmaco), Emer Cooke, nella sua replica al Parlamento europeo.

E ancora: “Dai dati che vediamo su Omicron ” vaccini autorizzati sono efficaci e continuano a salvare le persone da forme gravi e dalla morte. Anche se la nuova variante si diffonderà di più, i vaccini che abbiamo continueranno a garantire protezione”.

Emer Cooke ha, però, insistituto sulla necessità di fare i richiami, visto che la copertura dei sieri si indebolisce col tempo.

Di fronte alla variante Omicron “dobbiamo lavorare anche più duramente che in passato per aumentare il tasso delle vaccinazioni nell’UE, specialmente negli Stati membri dove il tasso è pericolosamente basso. Questo è particolarmente importante mentre apprendiamo nuovi aspetti” di Omicron”.

LEGGI ANCHE: Cosa sappiamo della nuova variante?