Vaiolo delle scimmie, “si può maniestare anche con una sola lesione”

La Health Security Agency britannica (UKHSA) ha aggiornato la definizione di ‘caso’ di Vaiolo delle scimmie, cioè la descrizione delle caratteristiche della malattia, ampliando l’elenco dei sintomi con cui può presentarsi l’infezione.

In particolare, l’agenzia ha chiarito che tra il vaiolo delle scimmie può manifestarsi anche con una singola lesione o lesioni ai genitali, all’ano e all’area circostante; con lesioni alla bocca; con sintomi di proctite, vale a dire l’infiammazione della mucosa del retto che può causare dolore o sanguinamento.

Questi sintomi devono mettere in guardia soprattutto se l’individuo ha avuto recentemente un nuovo partner sessuale, precisa l’agenzia.

“Continuiamo a vedere nuove diagnosi di Vaiolo delle scimmie, trasmesse principalmente attraverso contatti ravvicinati o sessuali”, ha detto Meera Chand, a capo del dipartimento Clinical and Emerging Infections all’UKHSA.

“Abbiamo aggiornato la nostra definizione di caso per riflettere le presentazioni cliniche che sono state viste durante questo focolaio. È importante riconoscere che solo una o due lesioni genitali o anali oppure lesioni alla bocca possono essere segni di Vaiolo delle scimmie, soprattutto per chi ha avuto un nuovo partner sessuale. È ancora necessario essere cauti e stare attenti ai sintomi. Per molte persone i sintomi possono essere lievi, ma per alcune potrebbe essere necessario un trattamento ospedaliero”, ha concluso.

LEGGI ANCHE: Vaiolo delle scimmie, approvato vaccino in Unione Europea