Utero retroverso: cos’è, dolore, contraccezione e parto

L'utero è l'organo utilizzato per ricevere il feto. Il più delle volte, l'utero è anteverso ma può capitare che sia retroverso.

L’utero è l’organo utilizzato per ricevere il feto. Si trova nella cavità pelvica, tra la vescica e il retto. Il più delle volte, l’utero è anteverso, cioè è inclinato in avanti e poggia sulla vescica.

Ma, nel 20-25% delle donne, è inclinato all’indietro verso il retto e si parla, quindi, di utero retroverso. Non è assolutamente una patologia ma una semplice differenza anatomica. Questo posizionamento può essere naturale, vale a dire che l’utero ha assunto questa posizione durante lo sviluppo, oppure verificarsi a seguito di un evento (strappo ostetrico durante il parto, fibrosi o endometriosi … ). È quindi reversibile. Non sembra, in ogni caso, essere una caratteristica ereditaria.

Utero retroverso e dolore

Un utero retroverso, come spiegato su Futura-Sciences.com, non è patologico e in linea di principio non ha conseguenze per la salute. Tuttavia, sembra che il dolore mestruale sia più comune nelle donne con un utero retroverso. È anche possibile provare dolore durante i rapporti sessuali, il pene che si scontra con la cervice, che è particolarmente sensibile. Questo è particolarmente vero durante la penetrazione profonda, favorita da alcune posizioni. Ma nessuno studio scientifico ha confermato questi due punti e il dolore può derivare da altri fattori.

Utero retroverso e contraccezione

Un utero retroverso non impedisce in alcun modo l’inserimento di uno IUD (dispositivo intrauterino) o l’uso di tamponi. Non impedisce al sangue di scorrere come alcuni potrebbero credere né provoca cicli più pesanti.

Utero retroverso e parto

Anche se l’utero viene girato all’indietro, si raddrizzerà naturalmente tra la 12a e la 14a settimana di gravidanza. Se questo non è il caso, una semplice manovra attraverso la vagina sarà in grado di correggere la posizione. In rari casi, il medico dovrà eseguire un taglio cesareo ma questo non è più comune che in altre donne.