Cause comuni del dolore mestruale (e come avere sollievo)

Per molte donne il primo giorno del ciclo mestruale è associato a un grave disagio e malessere generale. I sintomi più comuni sono: crampi al basso ventre, nausea, emicrania, cambiamenti di umore, dolore al seno e mal di schiena.

0

Per molte donne il primo giorno del ciclo mestruale è associato a un grave disagio e malessere generale. I sintomi più comuni sono: crampi al basso ventre, nausea, emicrania, cambiamenti di umore, dolore al seno e mal di schiena. Questa situazione di malessere è causata dal fatto che il livello degli ormoni ovarici si riducono a valori criticamente bassi.

Infatti, il sanguinamento si verifica a causa della necessità di liberare l’utero da tessuti inutili (ovuli non fecondati). Questo processo è accompagnato da un aumento della produzione di prostaglandine, ormoni che stimolano le contrazioni uterine e facilitano l’apertura della cervice per favorire la fuoriuscita del sangue mestruale. La concentrazione di prostaglandine stimola i recettori del dolore del sistema riproduttivo, causando la sensazione di disagio e il dolore nella parte inferiore dell’addome.

Ecco alcuni rimedi efficaci per contrastare il malessere durante il ciclo mestruale:

  • fare lunghe passeggiate;
  • seguire un’alimentazione corretta, escludendo alcuni cibi quali: bevande contenenti caffeina, alcol, cioccolato, brodo di carne e fritti. Assumere piccole porzioni di cibo e non fumare;
  • fare un trattamento di aromaterapia: utilizzando oli essenziali di salvia, ylang-ylang, lavanda, camomilla e anice;
  • agopuntura (trattamento eseguito da uno specialista);
  • assumere farmaci quali: antinfiammatori, antistaminici e antispastici solo dietro consiglio medico. 

Quando rivolgersi al medico?

Lo stile di vita poco attivo peggiora il malessere legato al ciclo mestruale. Per questo il modo più efficace per contrastare il disagio è distrarsi (attività fisica moderata e stato d’animo positivo sono validi supporti).

Tuttavia, a volte, la presenza del dolore eccessivo durante il periodo mestruale richiede il consulto di un ginecologo.

I processi patologici più comuni includono:

  • endometriosi (una malattia ginecologica cronica);
  • dismenorrea (disturbi del ciclo mestruale);
  • infiammazione di diversa natura e origine;
  • presenza di aderenze nella cavità addominale.

L’individuazione in fase precoce di una di queste patologie, aumenta le possibilità di trovare una cura adeguata.

 

Commenti