Una tazza di tè al giorno può ridurre il rischio di glaucoma

Il glaucoma è una condizione che causa la cecità per la maggior parte delle persone di età superiore ai 60 anni. Ma è stato scoperto che bere té può aiutare a prevenire questa malattia.

0
tè

Il glaucoma è una condizione che causa la cecità per la maggior parte delle persone di età superiore ai 60 anni. Danneggia il nervo ottico – che trasporta le informazioni dai nostri occhi al centro visivo nel nostro cervello – con conseguente perdita permanente della vista. Il più delle volte questo danno è causato da una pressione oculare alta in maniera anomala.

Il glaucoma non provoca dolore e sintomi fino a quando si verifica una perdita visiva evidente. Tuttavia, in un tipo di glaucoma chiamato glaucoma acuto ad angolo chiuso, si possono verificare forti mal di testa, dolore agli occhi, arrossamento degli occhi, nausea e vomito e vista offuscata.

Ora, stando a quanto riportato su DrFarrahmd.com, una tazza di tè caldo può risultare utile per prevenire questa malattia.

Tè e glaucoma

I ricercatori di uno studio pubblicato sul British Journal of Opthalmology hanno scoperto che bere il tè almeno una volta al giorno può ridurre il rischio di glaucoma del 74%.

Questo studio ha coinvolto un team di ricercatori dell’Università della California e sono stati utilizzati i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) del 2005-2006 per fornire un quadro accurato della salute e dello stato nutrizionale di adulti e bambini. Tra i 10mila campioni del NHANES, almeno 1.678 partecipanti si sono sottoposti a test agli occhi e circa 84 adulti hanno sviluppato il glaucoma.

I dati relativi al consumo di caffè, tè o bevande analcoliche negli ultimi 12 mesi sono stati raccolti mediante un questionario. Sulla base delle informazioni raccolte, soltanto meno del 10% dei partecipanti ha bevuto un tè caldo ogni giorno mentre quasi la metà dei partecipanti ha dichiarato di bere spesso il caffè. Inoltre, è stato rivelato che una tazza giornaliera di tè caldo con la caffeina era associata a un minor rischio di glaucoma.

La dott.ssa Anne Coleman, autrice principale dello studio, ha spiegato che una possibile spiegazione per questa scoperta è che i tè che contengono caffeina hanno più antiossidanti di quelli decaffeinati.

Potrebbe essere che il tè contenga sostanze fitochimiche e flavonoidi e questi composti vegetali abbiano proprietà antinfiammatorie e antiossidanti che possono proteggere l’occhio e i nervi che lo circondano“, ha aggiunto.