Glaucoma: cos’è, tipi, sintomi e fattori di rischio

Quando abbiamo una buona vista, tendiamo a dare ciò per scontato. Ma i nostri occhi sono un organo molto sensibile e la vista può deteriorarsi con l'età e a causa di altri fattori.

0

Quando abbiamo una buona vista, tendiamo a dare ciò per scontato.

Ma i nostri occhi sono un organo molto sensibile e la vista può deteriorarsi con l’età e a causa di altri fattori.

Ciò che possiamo fare è sottoporci regolarmente a esami oculistici per rilevare un eventuale problema in tempo.

Ora, una delle condizioni che può danneggiare gradualmente gli occhi (e che ‘resta in silenzio’ finché non è troppo tardi) è il glaucoma, ovvero quando il nervo ottico si danneggia e porta a una parziale perdita della vista o persino alla cecità.

Il glaucoma di solito si sviluppa quando la pressione intraoculare (la pressione all’interno degli occhi) aumenta, sebbene possa essere causata da altri fattori. La condizione di solito colpisce entrambi gli occhi e può essere peggiore in un occhio rispetto all’altro.

La diagnosi precoce e il corretto trattamento del glaucoma possono prevenire ulteriori danni al nervo ottico o almeno rallentare gli effetti del glaucoma.

I TIPI DI GLAUCOMA

  • glaucoma primario ad angolo aperto, che è il tipo più comune e di solito si sviluppa gradualmente nel corso degli anni;
  • glaucoma primario ad angolo chiuso, che è meno comune e può svilupparsi improvvisamente o gradualmente;
  • glaucoma secondario, causato da una condizione dell’occhio sottostante, ad es. l’uveite;
  • glaucoma da tensione normale, quando la pressione all’interno dell’occhio è normale;
  • glaucoma congenito, che è raro ed è causato da un difetto congenito dell’occhio.

I SINTOMI

Il glaucoma è chiamato anche il ladro della vista perché potrebbe non mostrare alcun sintomo fino a quando il nervo ottico non viene gravemente danneggiato.

In alcuni casi, i sintomi del glaucoma si sviluppano improvvisamente e richiedono cure mediche immediate:

  • dolore all’occhio;
  • mal di testa;
  • occhio rosso;
  • vista distorta;
  • vedere aloni intorno alle luci;
  • nausea e vomito.

I sintomi sopra descritti rappresentano un’emergenza e bisogna contattare il medico il prima possibile. Se la vista peggiora non andare al Pronto Soccorso da soli ma in compagnia.

I FATTORI DI RISCHIO

Chiunque può sviluppare il glaucoma, ma ci sono alcuni fattori che aumentano il rischio:

  • avere più di 45 anni – il rischio di glaucoma aumenta con l’avanzare dell’età;
  • storia familiare di glaucoma;
  • essere miope;
  • essere di origine afro-americana, ispanica, giapponese, irlandese, scandinava, russa o inuit;
  • avere il diabete;
  • uso a lungo termine di farmaci steroidei;
  • storia di traumi agli occhi.

Non esiste un modo noto per prevenire la condizione e il danno al nervo ottico è irreversibile. Sottoporsi a esami oculistici regolari è importante anche se non c’è nulla di strano nella vista perché il problema potrebbe essere presente ma non mostrare segni percettibili per un po’ di tempo.

Commenti