Un vaccino per prevenire la Sclerosi Multipla? Importante scoperta degli scienziati

0
sclerosi-multipla

Passi avanti sono stati compiuti per la formulazione di un vaccino che possa scongiurare la sclerosi multipla (SM), in quanto gli scienziati ritengono di avere scoperto la causa della malattia.

Secondo una ricerca britannica, infatti, la SM è causata da due diverse infezioni che attaccano il corpo.

I medici, quindi, ora sostengono che lo sviluppo di un vaccino contro uno dei virus possa costituire la chiave per la prevenzione della SM in futuro.

La condizione neurologica viene attivata quando il sistema immunitario attacca i nervi, causando dolore, affaticamento, problemi alla vista e spasmi. Ciò che fa sì che il corpo cominci ad attaccare se stesso.

Gli scienziati dell’Università di Glasgow (Scozia) e della Harvard University (USA) suggeriscono che l’esposizione a due infezioni – parassiti come conseguenza del virus Epstein Barr – potrebbe rappresentare l’innesco.

I risultati rivelano, quindi, che lo sviluppo di un vaccino o di farmaci per impedire il contagio dal virus Epstein-Barr potrebbe anche renderli immuni alla sclerosi multipla.

[amazon_link asins=’8880936638,8804674938,8847027233,8804619457,B06W9P573F,8857305767,B01CDHIKZ4,8887622922,8856783037′ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’f7f7162d-8e60-11e8-9615-2507cf179953′]

Il professor John Paul Leach, neurologo consulente presso l’Università di Glasgow, come si legge sul Daily Mail, ha dichiarato: “La SM è una condizione in cui il corpo produce anticorpi contro se stesso per ragioni che non sono mai state comprese. È strano che non abbiamo mai scoperto perché alcune persone sono più incline di altre. […] Esistono già alcune prove del fatto che l’esposizione al virus Epstein-Barr renda più probabile che qualcuno sviluppi la SM ma questo non offre la spiegazione completa del motivo per cui le persone sviluppano questa reazione. La SM può essere il risultato di non una ma due infezioni nell’ordine giusto“.

La spiegazione dei ricercatori è attualmente soltanto una teoria ma essi prevedono di condurre ulteriori ricerche.

Il virus Epstein-Barr è uno dei virus più comuni negli esseri umani ed è la causa della febbre ghiandolare.

Il dott. Patrick Kearns della Harvard University, che ha guidato la ricerca, ha affermato: “Credo che il collegamento mancante possa essere un’infezione da infestazioni da parassiti. Questa è una condizione molto comune nei bambini ed è comune anche nei soldati che vivono in caserma. Nelle zone in cui i soldati erano alloggiati durante la seconda guerra mondiale si sarebbe diffuso alle popolazioni locali. Credo che ciò che potrebbe causare la Sclerosi Multipla sia una complicazione tardiva e rara dell’esposizione a queste due infezioni. In primo luogo, quando il corpo è esposto all’infezione da parassiti produce una risposta immunitaria e vengono creati dei globuli bianchi che vivono nel sistema immunitario così da respingere nuovamente l’infezione. Successivamente, se qualcuno viene esposto al virus Epstein-Barr, anche dopo il recupero dalla malattia, il virus si nasconde nei globuli bianchi. Quindi, potrebbe essere che ciò danneggi la memoria dei globuli bianchi creati per rispondere ai parassiti e così cominciano ad attaccare cellule simili nel corpo umano. Ecco perché sarebbe un’ottima idea per i funzionari della sanità pubblica curare i parassiti in larga scala. Ma il vero vantaggio sarebbe lo sviluppo di strumenti migliori per colpire il virus Epstein-Barr con un vaccino o con dei farmaci”.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Multiple Sclerosis and Related Disorders.

Commenti