Troppo tempo a fissare lo smartphone? La soluzione per addormentarsi velocemente

La luce blu degli smartphone e dei computer ha un effetto negativo sul sonno ma ci sono i rimedi.

0
luce blu

La luce gioca un ruolo essenziale nel sonno, specialmente quando si tratta di ritardarlo.

Per ridurre gli effetti negativi della luce blu emessa dai dispositivi elettronici (smartphone, tablet…), indossare un paio di occhiali speciali sarebbe vantaggioso, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Endocrine Abstracts.

Un gruppo di ricerca, con sede nei Paesi Bassi, ha esaminato gli effetti sul sonno del tempo trascorso su uno schermo, coinvolgendo una cinquantina di volontari. Gli scienziati hanno studiato l’uso degli schermi da parte degli adolescenti di età compresa tra i 12 e i 17 anni per essere in grado di confermare che più tempo trascorriamo davanti a uno schermo, più tempo ci vuole per prendere sonno.

Secondo questo studio, le persone che trascorrono almeno quattro ore davanti a uno smartphone o tablet ogni giorno impiegherebbero più di mezz’ora per addormentarsi. Si tratta di disturbo grave dell’orologio interno del corpo che potrebbe avere un impatto sulla concentrazione, memoria e persino essere associato al rischio di obesità e cancro a lungo termine.

Come addormentarsi in fretta

Per evitare queste conseguenze gravi e cadere nelle braccia di Morfeo, senza troppe difficoltà, dovremmo praticare l’astinenza da tutti i tipi di schermi per una settimana, affermano gli scienziati. Facendo così, ad esempio, si ridurrebbe del 68% il tempo necessario per addormentarsi.

Ma c’è anche una soluzione meno estrema: usare gli occhiali con lenti anti luce blu che riducono l’effetto della soppressione della melatonina, l’ormone del sonne che tenderebbe ad andare via mentre abbiamo lo sguardo fisso sui dispositivi elettronici.

Ebbene, i risultati dello studio suggeriscono che indossare gli occhiali anti-luce blu potrebbe ridurre l’impatto sul sonno dell’uso frequente dei dispositivi elettronici.