Susine: proprietà, benefici e controindicazioni

Ricche di antiossidanti e fibre, le susine, o prugne, sono tra le protagoniste più salutari della tavola dei mesi estivi.

prugne

Le susine – o prugne – sono tra le protagoniste della tavola dell’estate. Scopriamo, nelle prossime righe, i loro principali benefici.

LEGGI ANCHE: Una corretta idratazione è un’arma per combattere stress e insonnia

Proprietà delle susine

Le susine sono contraddistinte da un apporto energetico pari a circa 42 calorie all’etto. Entrando nel vivo dei nutrienti, ricordiamo che si tratta per la maggior parte di carboidrati. Da non dimenticare è altresì la presenza di proteine e lipidi. Un altro punto sul quale vale la pena di soffermarsi quando si parla dei benefici delle susine è il loro contenuto di fibre (in un etto, ne possiamo trovare circa 1,5 grammi).

Si potrebbe andare avanti davvero tanto a parlare dei motivi per cui vale la pena introdurre le susine nella propria dieta! Tra i fattori in questione è possibile citare la presenza di vitamina C, potente antiossidante oltre che alleata preziosa dell’efficienza del sistema immunitario.

Ricche di vitamina A, importante per la salute della pelle, sono contraddistinte pure dalla presenza di potassio, elemento che ricopre un ruolo di grande rilevanza quando si parla di regolarizzazione dei valori della pressione arteriosa e, di riflesso, di miglioramento della salute cardiovascolare.

Tornando un attimo alla presenza di fibre, ricordiamo che è cruciale ai fini del mantenimento della regolarità intestinale. Inoltre, questi nutrienti aiutano tantissimo a ottimizzare i livelli di sazietà e a tenere sotto controllo il peso.

Controindicazioni

Le susine – o prugne – dovrebbero essere evitate in caso di terapie farmacologiche con diuretici. Per togliersi i dubbi, è opportuno consultare il medico prima di iniziare a consumarle.

LEGGI ANCHE: Cocomero: quali sono i trucchi per capire se è maturo?