Studi confermano la diminuzione dell’efficacia del vaccino anti Covid-19 di Pfizer

Due studi sul mondo reale pubblicati ieri, mercoledì 6 ottobre, confermano che la protezione immunitaria offerta da due dosi del vaccino anti Covid-19 di Pfizer diminuisce dopo circa due mesi, sebbene la protezione contro la malattia grave, l’ospedalizzazione e il decesso rimanga forte.

Gli studi, provenienti da Israele e dal Qatar e pubblicati sul New England Journal of Medicine, supportano le argomentazioni secondo cui anche le persone completamente vaccinate devono mantenere le precauzioni contro l’infezione.

Uno studio israeliano ha coinvolto 4.800 operatori sanitari e ha mostrato che i livelli di anticorpi diminuiscono rapidamente dopo due dosi di vaccino “specialmente tra gli uomini, tra le persone di età pari o superiore a 65 anni e tra le persone con immunosoppressione”.

“Abbiamo condotto questo studio prospettico di coorte longitudinale che coinvolge gli operatori sanitari presso lo Sheba Medical Center, un grande centro medico terziario in Israele”, hanno scritto il dott. Gili Regev-Yochay e i colleghi.

I ricercatori hanno notato che i livelli dei cosiddetti anticorpi neutralizzanti – la prima linea di difesa del sistema immunitario contro le infezioni – sono correlati alla protezione contro le infezioni ma per questo studio hanno studiato solo i livelli degli anticorpi.

“Il lavoro pubblicato su molti vaccini, come quelli contro il morbillo, la parotite e la rosolia, ha mostrato una piccola diminuzione ogni anno dal 5 al 10% dei livelli di anticorpi neutralizzanti – hanno scritto – Abbiamo scoperto che una diminuzione significativa e rapida della risposta umorale al vaccino BNT162b2 è stata osservata entro pochi mesi dalla vaccinazione”.

Lo studio ha anche indicato che l’immunità per le persone che vengono vaccinate dopo l’infezione naturale da Covid-19 dura più a lungo. È particolarmente forte anche per le persone che si sono riprese dall’infezione e poi sono state vaccinate. “Nel complesso, le prove accumulate dal nostro studio e da altri mostrano che la risposta umorale a lungo termine e l’efficacia del vaccino nelle persone precedentemente infette erano superiori a quelle dei destinatari delle due dosi di vaccino”, hanno scritto.

Un secondo studio del Qatar ha esaminato le infezioni effettive tra la popolazione vaccinata di quella piccola nazione del Golfo Perico. La maggior parte delle persone ha ricevuto il vaccino di Pfizer/BioNTech, noto anche come BNT162b2.

“La protezione contro l’infezione indotta da BNT162b2 si accumula rapidamente dopo la prima dose, raggiunge il picco nel primo mese dopo la seconda dose e poi diminuisce gradualmente nei mesi successivi”, hanno scritto Laith Abu-Raddad di Weill Cornell Medicine-Qatar e i colleghi. “Il calo sembra accelerare dopo il quarto mese, per raggiungere un livello basso di circa il 20% nei mesi successivi”, hanno aggiunto. Tuttavia, hanno affermato, la protezione contro il ricovero e la morte è rimasta superiore al 90%.

LEGGI ANCHE: Vaccino anti Covid-19 sarà somministrato insieme a quello antiinfluenzale.