Sindrome di Lazzaro, quando i pazienti tornano in vita dopo la morte, perché succede?

Per sindrome di Lazzaro s'intende il ritorno alla vita dopo che è stato dichiarato il decesso, cosa succede al corpo? I pazienti sopravvivono davvero?

La Sindrome di Lazzaro, o autorianimazione, è definita come un ritorno spontaneo alla circolazione a seguito della cessazione della rianimazione dopo un arresto cardiaco. In poche parole, è un improvviso ritorno dell’attività cardiaca che si verifica dopo che un individuo è stato dichiarato morto.

Il primo caso è stato descritto nella letteratura medica nel 1982 e in seguito è stato soprannominato “Sindrome di Lazzaro” da San Lazzaro. Questo articolo prenderà in considerazione la frequenza con cui il fenomeno viene osservato in medicina, esplorerà i potenziali meccanismi e discuterà le ripercussioni cliniche per i pazienti.

L’incidenza della sindrome di Lazzaro

La Sindrome di Lazzaro è incredibilmente rara: da quando è stata descritta per la prima volta nel 1982, solo sessantatré casi sono stati successivamente descritti nella letteratura medica. Una revisione completa di tutti i casi pubblicati è stata intrapresa nel 2020 e ha descritto le seguenti caratteristiche del fenomeno:

  • Nella maggior parte dei casi, i pazienti avevano 60 anni o più.
    Le condizioni che possono aumentare la sua probabilità includono l’iperkaliemia (un eccesso di potassio nel flusso sanguigno) e l’ipovolemia (un volume anormalmente basso di liquido extracellulare nel corpo).
  • In tutti i casi, i tentativi di rianimazione erano stati eseguiti per 20 minuti o più prima del successivo ritorno spontaneo della circolazione, con una durata di mediazione di 30 minuti.
  • Dei sessantatré casi, sono stati osservati segni di vita entro cinque minuti dalla cessazione della rianimazione in 30 casi e tra 6-10 minuti in 14 pazienti. Per i restanti 19 pazienti, i segni di vita non sono stati rilevati fino a diverse ore dopo la “morte” o non sono stati registrati nelle note mediche.

Risultati clinici per i pazienti

Il recupero neurologico per i pazienti dopo l’autorianimazione varia ampiamente. Gli studi hanno utilizzato il punteggio della categoria di prestazione cerebrale (CPC) come strumento per definire gli esiti neurologici, con un punteggio di 1 o 2 che indica un buon recupero, 3 che indica disabilità, 4 che indica uno stato vegetativo permanente e 5 che denota la morte.

Secondo una revisione del caso nel 2020, circa il 35% dei pazienti sopravvive all’autorianimazione e si riprende sufficientemente per essere dimesso dall’ospedale. Di questi pazienti, la stragrande maggioranza (85%) riceve un punteggio CPC di 1 o 2. Il restante 65% dei pazienti è deceduto, tipicamente a causa di danno cerebrale ipossico o danno cardiaco.

La scoperta che circa un terzo delle persone sopravvive all’autorianimazione e continua a fare un buon recupero ha importanti implicazioni per le pratiche e i protocolli di rianimazione che circondano la decisione di interrompere la rianimazione e dichiarare la morte. La ventilazione deve essere delicata per evitare la pressione intratoracica e l’iperinflazione dei polmoni. L’interruzione della rianimazione deve essere seguita da un massimo di dieci minuti di osservazione del paziente.