Scoperto legame tra un antibiotico e due malattie cardiovascolari

Gli scienziati dell'Università canadese nella Columbia-Britannica hanno recentemente individuato un legame tra l'insorgenza di due malattie cardiovascolari e l'assunzione di un tipo di antibiotico.

0

I fluorochinoloni sono potenti antibiotici. Possono combattere contro una vasta gamma di batteri sia nell’uomo che negli animali.

Gli scienziati dell’Università canadese nella Columbia-Britannica hanno recentemente individuato un legame tra l’insorgenza di due malattie cardiovascolari e l’assunzione di questo tipo di antibiotico.

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno analizzato i dati di oltre nove milioni di americani in due periodi di tempo: dai 30 ai 61 giorni dall’assunzione del farmaco e dai 61 ai 365 giorni.

Precauzioni da prendere

Come riportato su Futura-Sciences.com, rispetto ai pazienti a cui è stata prescritta l’amoxicillina, nei pazienti trattati con il fluorochinolone è stato stimato un rischio aumentato di 2,4 volte di insufficienza aortica e mitralica, gravi malattie che riguardano la valvola cardiaca. In totale, i ricercatori hanno identificato 12.505 casi di rigurgito valvolare. Secondo lo studio, il rischio maggiore è entro 30 giorni dall’assunzione del farmaco.

Mahyar Etminan, l’autore principale dello studio, ha spiegato che “questa classe di antibiotici è molto conveniente ma nella maggior parte dei casi non è realmente necessaria. Una prescrizione inappropriata potrebbe causare la resistenza agli antibiotici e gravi problemi cardiaci“.

Questa scoperta deve essere confermata da altre ricerche ma gli autori dello studio sperano già che ciò incoraggerà l’idea di considerare i fluorochinoloni come una causa potenziale di problemi cardiaci osservati in alcuni pazienti e la cui l’origine non è stata stabilita.

Leggi anche: Scoperto un nuovo beneficio dei mirtilli rossi, aumentano l’efficacia degli antibiotici.

Da CronacaSocial: Una bambina è nata l’11 settembre alle 9.11. Ma le coincidenze non finiscono qui.

Commenti