Schizofrenia: cos’è, sintomi, cause, trattamento

La schizofrenia è un disturbo psichico sul quale ruotano molti luoghi comuni erronei. Scopriamoli e vediamo come si manifesta.

Quando si parla di schizofrenia, si inquadra un disturbo psichico che, dati alla mano, colpisce circa l’11% della popolazione mondiale. Vediamo, nelle prossime righe, come si manifesta, quali sono le cause e come trattarla.

Cos’è la schizofrenia e come si manifesta

La schizofrenia è un disturbo psichico che comporta l’insorgenza di disfunzioni di natura sia cognitiva, sia emotiva. Questa malattia si contraddistingue anche per la presenza di sintomi di natura comportamentale.

Quando la si nomina, è cruciale sfatare un luogo comune molto diffuso. Quale, di preciso? La credenza secondo la quale la schizofrenia è sinonimo di doppia personalità. Il sintomo appena citato riguarda invece il disturbo dissociativo dell’identità. La schizofrenia, invece, si contraddistingue per la presenza di almeno due tra i seguenti sintomi:

  • Allucinazioni
  • Deliri
  • Disorganizzazione nell’espressione orale
  • Disorganizzazione nei comportamenti quotidiani
  • Atteggiamento catatonico
  • Manifestazioni di abulia e riduzione dell’intensità dell’espressione delle emozioni (questi ultimi sono conosciuti come sintomi negativi)

Come ricordato dagli esperti di State of Mind, per poter parlare di diagnosi di schizofrenia è necessario che i sintomi del disturbo psichico si manifestino per non meno di 6 mesi. Per essere precisi, è necessario specificare che almeno uno tra i sintomi sia un delirio, l’insorgenza di manifestazioni di disorganizzazione nel comportamento o nell’eloquio.

LEGGI ANCHE: Astenia: cos’è, sintomi, cause, trattamento

Entrando ulteriormente nel dettaglio, è bene citare una distinzione dei sintomi della schizofrenia tra:

  • Positivi, ossia quei comportamenti psicotici assenti nei soggetti sani (p.e. le manie e le allucinazioni)
  • Negativi, ossia manifestazioni che, come sopra accennato, si contraddistinguono per una diminuzione di intensità nell’espressione delle emozioni o nella riduzione delle occasioni di eloquio (p.e. tendenza a parlare poco o solo se si è obbligati a farlo).

Tipologie

Esistono diverse tipologie di schizofrenia. Ecco quali:

  • Schizofrenia di tipo catatonico, contraddistinta dall’insorgenza di mutismo e da un generale distacco dalla realtà da parte del paziente.
  • Schizofrenia di tipo paranoide, caratterizzata invece dal delirio di persecuzione.
  • Schizofrenia di tipo disorganizzato che, come dice il nome, si distingue prevalentemente per l’insorgenza di comportamenti disorganizzati o per l’eloquio confuso.

Cause

La schizofrenia è una malattia con un’eziopatogenesi multifattoriale. In parole semplici, è determinata da diverse cause. Tra queste è possibile citare l’ereditarietà, ma anche i fattori ambientali (p.e. lo stress psicologico).

Trattamento

Il trattamento della schizofrenia può prevede la somministrazione di farmaci antipsicotici, ma anche percorsi di psicoterapia con approccio cognitivo-comportamentale (si tratta di sedute finalizzate al controllo dei pensieri limitanti e al lavoro su autostima e qualità delle relazioni interpersonali).

LEGGI ANCHE: Sindrome della capanna: cos’è, sintomi, paure e cura