Tonno in scatola al naturale o con olio? Quale scegliere?

Il tonno in scatola è uno degli alimenti più utilizzati in Italia. Ma è meglio scegliere le scatolette di tonno al naturale o con olio?

Il tonno in scatola è uno degli alimenti più utilizzati in Italia. Ma è meglio scegliere le scatolette di tonno al naturale o le scatolette di tonno con olio?

Quale scatoletta di tonno scegliere?

Il tonno in scatola è un alimento molto usato nella nostra cucina quotidiana. È, infatti, un prodotto davvero economico e di semplice e rapido utilizzo, utile per comporre diverse pietanze (primi, insalate, ecc).

Inoltre, le scatolette di tonno vengono spesso consigliate per le diete ipocaloriche, poichè sono povere di calorie e ricche di elementi nutritivi e vitamine.

Proprio tenendo conto delle calorie, le indicazioni presenti sui prodotti ci porterebbero a optare per il tonno al naturale. Infatti, le scatolette di tonno senza olio presentano circa 120 calorie, rispetto alle 200 indicate nelle scatolette di tonno con olio.

In realtà, la scelta non è così scontata come sembrerebbe. Scopriamo perché più sotto.

È meglio la scatoletta di tonno al naturale o con olio?

La risposta a questa domanda è: sempre meglio scegliere la scatoletta di tonno con olio.

Ciò è dovuto al fatto che la scatoletta di tonno al naturale, pur essendo più leggero rispetto a quella di tonno in salamoia, contiene una più alta quantità di sale. Il consumo eccessivo di sale si lega sappiamo benissimo che a lungo andare comporta una serie di problemi. Tra questi ricordiamo la ritenzione idrica e quindi l’accumulo di liquidi, ciò che causa l’inestetismo della cellulite.

È consigliabile allora preferire ile scatolette di tonno con olio e utilizzarlo in cucina dopo averlo sgocciolato per bene.

Inoltre, è meglio acquistare le scatolette di tonno che utilizzano olio extra vergine di oliva ed evitare i prodotti che riportano il simbolo E621. Questo, infatti, indica la presenza di glutammato monosodico, un conservante utilizzato per aumentare il livello di sapidità degli alimenti.

LEGGI ANCHE: Perché rimandiamo l’inizio di una dieta?