Sbiancamento dei denti, come farlo e quanto dura

Lo sbiancamento dei denti è uno dei trattamenti di estetica maggiormente richiesti negli ultimi anni. Un concetto ormai acquisito che ha ampliato il ventaglio delle possibilità quando ci si reca da un dentista: se fino a qualche anno fa lo si faceva esclusivamente per trattamenti curativi, per alleviare il dolore ad esempio, oggi ci si va anche per questioni estetiche.
Avere un bel sorriso, brillante ed impeccabile è una necessità comune a molti; oggi la cura dell’aspetto estetico non è più un qualcosa che può essere tralasciato e grazie alle conquiste dell’estetica ogni eventuale difetto presente può essere corretto in modo efficace. Sono molteplici ad esempio le cause che possono portare ad ingiallimento dei denti: uso e abuso di fumo ed alcol sono i fattori principali, ma anche l’assunzione di specifici alimenti che colorano lo smalto dei denti come caffé, frutti rossi, vino, ecc.
Tutte criticità che oggi possono essere contrastate in modo efficace grazie allo sbiancamento denti, un trattamento sempre più richiesto grazie al quale è possibile tornare ad avere un sorriso luminoso.

I vari trattamenti per sbiancare i denti

Oggi sul mercato esistono tanti trattamenti per sbiancare i denti; di base si può dividere il settore tra trattamenti professionali, eseguiti da esperti del settore, e trattamenti fai da te che possono essere realizzati a casa. Ovviamente i primi sono molto più sicuri e possono garantire performance maggiori soprattutto in termini di durata. Tra i trattamenti professionali di sbiancamento denti si può segnalare quello eseguito con il led:

  • Sbiancamento con led: il trattamento viene eseguito dal dentista e prevede il ricorso al perossido di idrogeno, sostanza che viene poi attivata grazie al ricorso ad una luce a led. In questo caso i risultati tenderanno a durare all’incirca 1 anno e non si avranno controindicazioni di alcun genere;

Ci sono poi altre strade che possono essere seguite per ottenere il risultato di sbiancamento dei denti, ad esempio le strisce sbiancanti da utilizzare in casa, i dentifrici ad effetto sbiancante, i vari kit fai da te. Si tratta in questi casi di approcci non professionali che non possono garantire il medesimo risultato, soprattutto parlando in ottica di durata dello sbiancamento.

Quanto dura lo sbiancamento dei denti

E la questione della durata dello sbiancamento è preminente quando si procede a scegliere a quale trattamento affidarsi. Lo sbiancamento dei denti può avere durata diversa a seconda del modo in cui viene eseguito: scegliere una soluzione professionale è certamente più conveniente e garantisce risultati più duraturi rispetto ad un trattamento fai da te.

Lo sbiancamento dei denti non è un trattamento permanente, sebbene sia molto duraturo, ed è uno dei più comuni che le persone eseguono per migliorare il proprio sorriso. La durata stimata di un trattamento professionale con luce led, ad esempio, è di dodici mesi, anche se questo dipende sempre dalle caratteristiche dei denti di ogni persona, oltre che dalle sue abitudini. È possibile inoltre mantenere nel tempo il risultato con trattamenti domiciliari con mascherine di precisione fornite dal dentista o realizzando sedute di richiamo.La durata del tono di bianco che si riesce a raggiungere dipenderà in buona parte proprio dalla scelta del trattamento e, in seconda battuta, dagli stili di vita che si adotteranno. Da questi dipenderà successivamente il mantenimento del colore raggiunto: se, ad esempio, si è fumatori abituali, inevitabilmente i denti tenderanno a scurirsi molto prima.