Salgono a 13 i malati di febbre del Nilo in provincia di Lodi

Nel Lodigiano sono saliti a 13 i casi di febbre del Nilo o West Nile Desease.

In particolare, nove pazienti attualmente sono in ospedale a Lodi, una paziente è stata dimessa nelle prossime ore e andrà avanti a curarsi a casa e altri 3 sono in cura nelle loro abitazioni. Si tratta di pazienti che provengono a un po’ tutto il lodigiano.

Intanto, oggi, il Comune di Lodi fa sapere di avere disposto interventi straordinari di disinfestazione e di bonifica ambientale nelle due aree in cui risiedono i due malati di Lodi aree individuate dall’ ATS.

Questa iniziativa si affianca all’ordinaria attività di competenza comunale condotta da maggio a ottobre, con una quarantina di trattamenti di disinfestazione adulticida programmati nelle aree verdi pubbliche dei quartieri cittadini a cui si aggiunge la disinfestazione periodica antilarvale dei pozzetti stradali e delle caditoie, con prodotti autorizzati dal Ministero della Salute.

Il Comune raccomanda di ricordarsi di svuotare i sottovasi e gli annafiatoi, dove l’acqua piovana potrebbe accumularsi, eseguire frequenti sfalci dell’erba nei giardini, ridurre, nei limiti del possibile, gli innaffiamenti, mantenere in efficienza le grondaie e i tombini nei cortili, che periodicamente devono essere trattati con prodotti antilarvali, eseguire cicli di trattamenti adulticidi.

LEGGI ANCHE: Il miele? Più efficace degli antibiotici contro tosse e mal di gola.