Il miele? Più efficace degli antibiotici contro tosse e mal di gola

La ricerca mostra che il miele è più efficace nel trattamento di questi disturbi rispetto agli antibiotici o ai farmaci da banco.

Photo by Sophie Nengel on Unsplash

È stato a lungo un rimedio popolare per la tosse, il mal di gola e il raffreddore.

Ma la ricerca adesso mostra che il miele è più efficace nel trattamento di questi disturbi rispetto agli antibiotici o ai farmaci da banco.

I ricercatori dell’Università di Oxford hanno affermato che i medici dovrebbero dire ai pazienti di assumere un cucchiaio di miele piuttosto che prescrivere antibiotici che possono alimentare la resistenza antimicrobica.

Gli studiosi, come riportato sul Daily Mail, hanno esaminato gli studi che hanno confrontato l’efficacia del miele contro i sedativi della tosse, gli antistaminici e gli antidolorifici nel trattamento dei sintomi dell’infezione del tratto respiratorio superiore (ITRS), tra cui la tosse e il raffreddore.

Nel complesso, il miele è risultato essere migliore nell’alleviare la tosse, il mal di gola e la congestione e, a differenza di altri farmaci, non ha prodotto effetti collaterali dannosi.

Nel dettaglio, il miele è in media del 36% più efficace nel ridurre la frequenza della tosse rispetto ai farmaci comuni e ha ridotto la gravità della tosse del 44% in più.

Ci sono anche prove che il miele riduce il tempo necessario per riprendersi dalle ITRS fino a due giorni.

«Il miele è stato associato a una riduzione significativamente maggiore del punteggio combinato tra sintomi, frequenza della tosse e gravità della tosse», ha affermato lo studio pubblicato sul British Medical Journal.

Gli studiosi hanno spiegato che il cosiddetto «nettare degli dei» è economico, prontamente disponibile e non ha praticamente effetti collaterali. Gli autori hanno anche affermato che l’uso del miele per le infezioni potrebbe ridurre la prescrizione eccessiva di antibiotici che sta alimentando una crisi di resistenza agli antimicrobici.

Gli esperti sono sempre più preoccupati, infatti, che i medici somministrino troppo spesso antibiotici per la tosse e il raffreddore, per i quali sono raramente necessari perché la maggior parte di questi sono causati da virus.

I ricercatori hanno detto: «Il miele è superiore alle cure usuali per il miglioramento dei sintomi delle ITRS. Fornisce un’alternativa ampiamente disponibile ed economica agli antibiotici. Le ITRS sono il motivo più frequente per la prescrizione degli antibiotici. Poiché la maggior parte delle ITRS sono virali, la prescrizione di antibiotici è inefficace e inappropriata».

E ancora: «Dato che la mancanza di terapie alternative e il desiderio di preservare il rapporto medico-paziente sono due fattori chiave che contribuiscono alla prescrizione eccessiva di antibiotici da parte dei medici di base, la nostra scoperta che il miele può essere efficace è importante. Il miele è un’alternativa ragionevole».

Infine, il miele non dovrebbe essere somministrato ai bambini di età inferiore a un anno a causa del rischio di batteri che possono produrre tossine nel loro intestino, portando al botulismo infantile potenzialmente fatale.

LEGGI ANCHE: Microplastiche in numerosi frutti di mare, la scoperta di uno studio.