Ricciardi: “Variante delta buca il doppio ciclo vaccinale”

Le parole di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza.

Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza.
Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza.

Sì all’ipotesi di adottare anche in Italia il modello del Green Pass esteso, come ha fatto in Francia il presidente Emmanuel Macron.

«È assolutamente giusto portare questo modello in Italia. Bisogna fronteggiare questa quarta ondata, che è minacciosa – ha detto ad Agorà Estate, su Raitre, Walter Ricciardi, consigliere del Ministro della Salute Roberto Speranza – perché la variante Delta è contagiosissima e quindi c’è la necessità di prendere le misure più adeguata. Quella della Francia è una strategia adeguata».

Il Green Pass all’italiana, rilasciato dopo una sola dose di vaccino, «va messo in archivio. Il Green Pass deve essere in questo momento solo dopo le due dosi, ma su questo ormai c’è un accordo di tutti. So che il Governo sta andando in questa direzione», ha aggiunto Ricciardi.

«La variante Delta buca perfino il doppio ciclo vaccinale – ha sottolineato Ricciardi – nel senso che conferisce una certa protezione contro la malattia grave e l’ospedalizzazione ma purtroppo nel 30-35% dei casi determina infezione anche nei soggetti che hanno fatto la seconda dose di vaccino, figuriamoci una sola».

E ancora: «Vacciniamo presto tutti, in maniera che proteggiamo le persone dall’ospedalizzazione e dalla malattia, e poi prendiamo le decisioni man mano che emergono le conoscenze delle varianti».

«Più esitiamo a prendere le misure che servono – ha osservato Ricciardi – più lasciamo al virus la possibilità di selezionare quelle varianti che non solo bucano il vaccino per l’infezione ma lo bucano anche per la protezione».

«In questo momento – ha concluso Ricciardi – stiamo guardando con grande cautela una variante Delta Plus in India e una variante Lambda che è stata isolata in Perù che ci preoccupa molto».

LEGGI ANCHE: “Covid-19, situazione nuova, pandemia non è finita”