Questa estate fai attenzione al parassita della criptosporidiosi in piscina

La criptosporidiosi parassitaria, una malattia che causa la diarrea, può essere facilmente presa nelle piscine e nei parchi acquatici.

0

Attenzione alla malattia che può facilmente essere contratta in estate: la criptosporidiosi, causata da un parassita che può sopravvivere per diversi giorni nelle acque clorurate, provocando una grave diarrea.

Uno studio recente condotto dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il numero di focolai di questa malattia è aumentato in media del 13% all’anno tra il 2009 e il 2017. In questo periodo, ci sono stati 444 focolai di criptosporidiosi e 7465 casi confermati negli Stati Uniti. Una persona è anche deceduta a causa di questa malattia.

Le epidemie registrate sono attribuibili per il 35% a piscine, piscine per bambini o parchi acquatici; per il 15% al ​​contatto con il bestiame; per il 13% al contatto con i bambini nelle strutture per l’infanzia e per il 3% a causa del latte intero o del sidro di mele.

I bambini possono ammalarsi gravemente e il parassita Crypto si propaga facilmente“, ha detto Michele Hlavsa del CDC. Ai bambini va insegnato, quindi, come lavarsi le mani correttamente e i genitori devono adottare delle misure per mantenere i figli puliti in acqua.

Il parassita Crypto è un avversario ostico: ha un grosso carapace e può sopravvivere per diversi giorni nell’acqua clorata. È anche molto aggressivo: la diarrea può durare fino a tre settimane.

In questo caso, meglio non andare nei parchi acquatici o nelle piscine. Inoltre, è anche importante evitare di ingerire l’acqua della piscina. Quando un bambino sta male, deve restare a casa e tenuto lontano dalle strutture per l’infanzia.

Infine, se si entra in contatto con gli animali, bisogna sempre assicurarsi di lavare le mani con acqua e sapone.