Quanto caffè possiamo bere prima che faccia male alla salute?

Avviso per gli amanti del caffè. Ecco cosa dice una nuova ricerca sulla quantità di tazzine che possiamo bere prima di avere problemi di salute.

0
caffe

Il caffè è lo stimolante più consumato nel mondo. Ci sveglia, aumenta la nostra energia e ci aiuta a concentrarci ma la gente chiede sempre: quando bisogna berne per non esagerare?

Elina Hyppönen, ricercatrice presso il Centro australiano per la salute di precisione, ha esaminato i rischi del bere il caffè e i risultati dello studio sono stati riportati sul sito web della University of South Australia il 10 maggio scorso.

Nel dettaglio, gli scienziati hanno utilizzato i dati da 347.077 persone di età compresa tra i 37 e i 73 anni dalla British Biobank. Hanno esaminato il materiale genetico dei partecipanti e il consumo di caffè. Gli individui portatori del gene CYP1A2, ad esempio, metabolizzano la caffeina quattro volte più velocemente degli altri. L’obiettivo era osservare se potevano bere di più e più frequentemente, senza danneggiare la salute.

Ebbene, i ricercatori hanno rivelato che bere almeno sei caffè al giorno aumenta il rischio di soffrire di una malattia cardiovascolare del 22%. E questo, con o senza la mutazione genetica. Inoltre, l’eccesso di caffeina causerebbe l’ipertensione, precursore delle malattie cardiache.

La maggior parte delle persone concorda sul fatto che se beviamo molto caffè, potremmo sentirci nervosi, irritabili o addirittura nauseanti“, ha affermato la professoressa Elina Hyppönen che ha aggiunto: “Questo perché la caffeina aiuta il corpo a lavorare più velocemente e più duramente ma è anche probabile che abbiamo raggiunto il limite“.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte nel mondo. Eppure sarebbero le più evitabili.

Tre miliardi di tazze di caffè vengono consumate ogni giorno nel mondo, sostengono i ricercatori: “È imperativo conoscere i limiti di ciò che è buono per noi e ciò che non lo è. Come per molte cose, la chiave sta nella moderazione“, ha concluso la dott.ssa Hyppönen.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis:

Commenti