Proteinuria: cos’è, sintomi, cause, trattamento

Questa condizione si contraddistingue per una quantità eccesiva di proteine nelle urine.

La proteinuria è una condizione contraddistinta dalla presenza di una quantità eccessiva di proteine nelle urine. Questo quadro, a lungo andare, può compromettere la funzione renale. Nelle prossime righe, vediamo assieme qualcosa di più in merito.

LEGGI ANCHE: “Mia figlia è stata uccisa da un’alimentazione ricca di proteine”: il racconto di una madre

Cos’è la proteinuria

La proteinuria è una condizione che prevede livelli di proteine nelle urine superiori ai 50 mg/litro. Quando i valori superano questa soglia, è il caso di fermarsi un attimo e di valutare la propria condizione.

Quando si parla di questa condizione, è necessario ricordare che l’urina può contenere diverse proteine, tra le quali è possibile citare l’albumina, la proteina più rappresentativa tra quelle contenute nel sangue.

Tra le altre proteine presenti nelle urine è possibile citare anche le immunoglobuline, così come la mucoproteina di Tamm-Horsfall. Come è chiaro, per capire se si ha a che fare con una condizione di proteinuria è necessario effettuare un esame delle urine. In questo ambito, si può fare riferimento a un test che permette non solo di valutare i livelli di proteine, ma anche di monitorare la funzionalità del rene, rilevando possibili patologie.

Test della proteinuria in gravidanza: ecco cosa sapere

Il test della proteinuria viene eseguito mensilmente nell’ambito del monitoraggio della gravidanza. A differenza del test su striscia, rileva altre proteine oltre all’albumina.

Proteine basse nelle urine: cosa fare?

Un livello di proteine basse nelle urine non deve assolutamente preoccupare. Anzi, si tratta di un segnale di funzionalità renale eccellente.

LEGGI ANCHE: Quali sono gli alimenti più ricchi di proteine?