Primo caso di peste suina africana in Germania

Photo by Iva Rajović on Unsplash

Per la prima volta è stato rilevato un caso di peste suina africana (PSA) in Germania. Le autorità, allarmate, hanno immediatamente indetto una conferenza stampa, alla quale ha partecipato anche la Ministra dell’agricoltura Julia Klöckner.

La malattia è stata scoperta dopo avere analizzato la carcassa di un cinghiale morto a Brandeburgo, vicino al confine con la Polonia.

«Purtroppo il nostro sospetto è stato confermato», ha spiegato Klöckner, rassicurando subito che «la peste suina africana non è pericolosa per l’uomo». Questo nemmeno se si consuma la carne di un maiale infetto.

Nonostante ciò, la situazione è comunque molto grave, in quanto per i suini la malattia è quasi sempre fatale. Questa scoperta, oltre a conseguenze sanitarie, preoccupa molto gli agricoltori anche a livello economico, e gli effetti potrebbero ricadere sull’intero paese, anche in ambito internazionale: le esportazioni di carne di maiale verso paesi esteri, ad esempio Stati dell’Asia o dell’America, potrebbero risentirne pesantemente.

È da tempo che la Germania teme l’arrivo della malattia, che è in circolazione in Polonia da diversi mesi. Per evitarlo, erano state erette recinzioni elettriche lunghe oltre 120 chilometri. Ma nulla è servito, e ora, durante la pandemia, i tedeschi devono gestire anche un’altra emergenza sanitaria, anche se di entità, chiaramente, minore.

La peste suina africana è una malattia provocata da un virus che non è pericoloso per gli esseri umani, ma quasi sempre mortale nel giro di pochi giorni per i cinghiali infetti. La malattia non ha sintomi specifici, se non febbre resistente ai trattamenti o morte improvvisa. In caso di decesso inspiegabile degli animali, dovrebbe essere eseguito un test di esclusione della PSA.

Dal momento che non esiste un vaccino per la peste suina africana, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti, la situazione è particolarmente difficile e la prevenzione così importante. Il Loeffler-Institut descrive inoltre veicoli di trasporto soprattutto l’alimentazione dei rifiuti di cucina come una fonte di infezione.

LEGGI ANCHE: Ecco come il coronavirus attacca il cervello.