Pidocchi: come scovarli e soprattutto come liberarsene

I pidocchi sono insetti che infestano soprattutto le teste dei bambini. Ecco cosa è meglio sapere per liberarsene.

pidocchi

I pidocchi sono insetti senza ali che vivono nei capelli umani.

Si nutrono di piccole quantità di sangue dalla pelle della testa (il cuoio capelluto). Sono  molto comuni tra i bambini, oltre a essere abbastanza contagiosi.

Sebbene non siano veicolo di malattie, causano disagio e prurito nel soggetto che hanno infestato (portando a complicazioni come le infezioni).

Come fare per individuare i pidocchi?

È necessario ispezionare con cura i capelli, cercando di individuare le uova dei pidocchi (lendini). Queste si presentano come dei piccoli puntini gialli o bianchi. Sono posizionate proprio vicino al cuoio capelluto sul fusto del capello.

L’insetto adulto, di solito, sfugge dalla luce e si muove molto velocemente, quindi non è facile individuarlo tempestivamente (a meno che l’infestazione non sia massiccia).

Quando i pidocchi infestano i capelli dei bambini, il prurito non compare immediatamente (solitamente trascorrono alcune settimane prima di avvertire il fastidio).

Lavare i vestiti dei bambini, biancheria da letto, ecc… in acqua calda e asciugare il tutto ad alte temperature.

Inoltre, tutto ciò che non può essere lavato, deve essere imbustato e sigillati per due settimane in un sacchetto di plastica. Questo perché i pidocchi possono vivere solo per tre giorni senza nutrirsi.

Inoltre, per sbarazzarsi delle uova deposte dai pidocchi è necessario trattare correttamente il cuoio capelluto e i capelli del bambino con uno shampoo apposito.

Seguendo gli appositi accorgimenti (quali tenere le asciugami e gli oggetti che vengono in contatto con il bambino infestato dai pidocchi in luoghi separati) sarà possibile sconfiggere l’infestazione in poche settimane.

LEGGI ANCHE: Fame improvvisa? Cosa fare per non darle ascolto.