Peste bubbonica, un 15enne è morto in Mongolia dopo aver mangiato carne di marmotta

La carne di marmotta, spesso consumata in Mongolia, ha causato la morte di un adolescente di 15 anni.

Photo by Dave Willhite on Unsplash

La carne di marmotta, spesso consumata in Mongolia, ha causato la morte di un adolescente di 15 anni. Tutta colpa della peste bubbonica. Altri casi sono stati segnalati anche in Cina.

Nella provincia del Gov’-Altaj, nel sud-ovest del Paese, cinque distretti sono in lockdown per una settimana dopo la scoperta di un caso di peste bubbonica il 6 luglio. Il ragazzo è morto il 14 luglio. «Abbiamo messo in quarantena le prime quindici persone che sono venute in contatto con il defunto e queste persone sono in cura con antibiotici», ha detto un membro del Ministero della Salute.

Mentre i confini della Mongolia sono chiusi a causa del coronavirus, altri due casi di peste bubbonica sono stati segnalati in una provincia vicina. Erano due fratelli che avevano mangiato carne di castoro. Il consumo di questo animale è responsabile della ripresa dei casi di peste bubbonica nella regione. Nonostante le autorità sanitarie mongole abbia invitato la popolazione a smettere di cacciare questo animale, almeno una persona muore ogni anno di peste bubbonica in Mongolia.

Nel nord della Cina, in una vicina regione della Mongolia, un pastore è di recente morto di peste bubbonica. L’OMS afferma che sta monitorando da vicino la situazione e assicura che la situazione sia «ben gestita».

Le autorità russe hanno, tuttavia, deciso di effettuare test sulle marmotte in Buriazia, una regione al confine con la Mongolia e hanno proibito la caccia al roditore fino a nuovo avviso.