Perché ritardare l’intervento chirurgico dopo la diagnosi da Covid-19?

Uno studio dice che coloro a cui è stato diagnosticato il Covid-19 dovrebbero attendere prima di sottoporsi a un intervento chirurgico.

Foto di Christo Anestev da Pixabay
  • Un nuovo studio suggerisce che coloro a cui è stato diagnosticato il COVID-19 dovrebbero attendere almeno 7 settimane prima di sottoporsi a un intervento chirurgico per evitare un rischio più elevato di morte postoperatoria.
  • I tassi di mortalità durante i 30 giorni dopo l’intervento chirurgico erano dell’1,5% tra coloro che non avevano sviluppato COVID-19 e del 4% tra i pazienti che avevano subito un intervento chirurgico entro 4 settimane dalla diagnosi.
  • Questo tasso è sceso al 3,6% per coloro che hanno subito un intervento chirurgico da 5 a 6 settimane dopo l’intervento e all’1,5% tra coloro che hanno subito un intervento chirurgico da 7 a 8 settimane dopo aver sviluppato COVID-19.

Un nuovo studio suggerisce che coloro a cui è stato diagnosticato Covid-19 dovrebbero attendere almeno 7 settimane prima di sottoporsi a un intervento chirurgico per evitare un rischio più elevato di morte postoperatoria.

Ritardare l’intervento chirurgico dopo la diagnosi di Covid-19: lo studio

A definire la necessità di ritardare l’intervento chirurgico dopo diagnosi di Covid-19 sono stati i ricercatori dell’Università di Birmingham nel Regno Unito. Il team ha esaminato i dati di oltre 140.000 pazienti sottoposti a intervento chirurgico in più di 1.600 ospedali in 116 paesi nell’ottobre 2020.

I tassi di morte durante i 30 giorni dopo l’intervento chirurgico erano dell’1,5% tra coloro che non avevano sviluppato COVID-19 e del 4% tra i pazienti che avevano subito un intervento chirurgico entro 4 settimane dall’infezione.

Questo tasso è sceso al 3,6% per coloro che hanno subito un intervento chirurgico da 5 a 6 settimane dopo l’intervento e all’1,5% tra coloro che hanno subito un intervento chirurgico da 7 a 8 settimane dopo aver sviluppato COVID-19.

Pubblicato il 9 marzo sulla rivista medica Anesthesia, i numeri erano coerenti tra chirurgia elettiva e di emergenza, gruppi di età, livello di forma fisica e se l’operazione era considerata maggiore o minore.

Il rischio deve essere valutato caso per caso

Dopo 7 settimane, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti con sintomi COVID-19 in corso avevano un tasso di mortalità del 6%, rispetto al 2,4% di quelli i cui sintomi si erano fermati e all’1,3% di quelli asintomatici.

“Le decisioni riguardanti il ​​ritardo della chirurgia dovrebbero essere adattate per ogni paziente, poiché i possibili vantaggi di ritardare l’intervento chirurgico per almeno 7 settimane dopo la diagnosi di SARS-CoV-2 devono essere bilanciati contro i potenziali rischi di ritardo”, ha detto l’autore dello studio Aneel Bhangu, dal Università di Birmingham, in una dichiarazione.

Il dottor William Li, co-fondatore e direttore medico della Angiogenesis Foundation, ha detto a Healthline che non è chiaro il motivo per cui un maggior pericolo postoperatorio arriva a 7 settimane.

“Ma sappiamo che COVID colpisce i vasi sanguigni, che sono fondamentali per la guarigione e il recupero generale dalla chirurgia”, ha detto Li. “Provoca anche infiammazione attraverso un fenomeno autoimmune, oltre a danni ai nervi e altro ancora. Tutti questi problemi rendono più difficile il recupero dalla chirurgia, specialmente i problemi vascolari”.

Il dottor Terry Fouts, consulente clinico senior per BridgeHealth, fornitore di cure chirurgiche con sede a Denver, ha detto a Healthline che la decisione chirurgica dipende da così tanti fattori ancora in fase di scoperta.

“La decisione di procedere con la chirurgia dipende da cose come la comorbilità, la gravità dell’infezione e la durata della malattia, che possono essere diverse per tutti”, ha detto Fouts.

“Alcune persone potrebbero avere solo sintomi polmonari, o alcune persone potrebbero avere un danno cardiaco permanente, mentre altre potrebbero avere un danno cerebrale prolungato. Quindi, se e quando l’intervento chirurgico è appropriato dopo COVID-19 deve essere determinato caso per caso”.