Perché la chemioterapia provoca la caduta dei capelli?

La caduta dei capelli è un frequente effetto collaterale del trattamento del cancro e per molti pazienti diventa una vera preoccupazione. Perché succede?

Gli agenti chemioterapici prendono attivamente di mira e uccidono le cellule in rapida crescita, come quelle di un tumore. Ma simile a un tumore, il follicolo pilifero è una struttura altamente attiva con una serie di cellule che spesso si dividono per produrre i capelli in crescita.

Poiché molti farmaci chemioterapici sono progettati per uccidere efficacemente tutte le cellule in rapida divisione, i capelli sono lo sfortunato spettatore che subisce la caduta insieme alle cellule tumorali.

Mentre alcuni trovano il pensiero di perdere i capelli così angosciante da rifiutare la chemioterapia, la maggior parte delle persone vedrà ricrescere le proprie ciocche al termine del trattamento.

Perdita di capelli indotta dalla chemioterapia

Il livello di perdita di capelli, o alopecia indotta dalla chemioterapia (CIA), dipende dal tipo di cancro, dal farmaco specifico e dalla dose e dal modello del trattamento.

Molti pazienti sperimentano la prima ondata di CIA entro 1 o 2 settimane dall’inizio del trattamento.

Le aree che subiscono un elevato attrito durante il sonno, come la parte superiore della testa e i lati sopra le orecchie, sono spesso le prime a vedere la caduta dei capelli. Eppure il modello preciso dipende dai capelli dell’individuo.

Quei capelli che stanno crescendo attivamente saranno i più colpiti, ma poiché i follicoli piliferi in crescita possono essere disposti a chiazze o distribuiti uniformemente su tutto il cuoio capelluto, è purtroppo impossibile prevedere il modello di caduta dei capelli per un dato individuo.

Entro 3 mesi, la caduta dei capelli è spesso completa.

La ricrescita dei capelli dopo la chemioterapia di solito inizia entro 1-3 mesi dal termine della terapia. Fino al 60 percento dei pazienti segnala un cambiamento nel colore o nella struttura dei capelli durante la prima ondata di ricrescita dei capelli, con molti che sperimentano capelli più ricci. Tuttavia, questi cambiamenti sono per lo più temporanei e alla fine i capelli tornano alla normalità.

LEGGI ANCHE: Cos’è il virus respiratorio sinciziale (RSV)?