Perché il cancro è il killer numero uno dei vigili del fuoco?

Non sono le fiamme e nemmeno il fumo. Sono le tossine che fuoriescono durante un incendio che causano alti tassi di cancro tra i vigili del fuoco della nazione.

Nel film “Incubo di fuoco” (2017), 19 membri dell’élite Granite Mountain Hotshots, un’abile squadra di vigili del fuoco dell’Arizona, muoiono quando un fulmine accende un incendio e intrappola gli uomini.

Ma un’eccedenza di nuove prove mostra che non sono solo le fiamme stesse o l’inalazione di fumo che stanno prendendo i nostri vigili del fuoco in numeri storicamente grandi.

È la fuliggine tossica e spesso cancerogena che viene lasciata sui mezzi antincendio e sugli stessi vestiti dei vigili del fuoco.

In effetti, né le malattie cardiache né le malattie polmonari sono il killer numero uno dei vigili del fuoco. È il cancro. Ed è in gran parte perché gli incendi sono diventati molto più tossici negli ultimi 25 anni.

Storia di Steve Fisher, vigile del fuoco dell’Oregon

Vigile del fuoco e padre di famiglia dell’Oregon, Steve Fisher non sapeva molto del legame tra lotta antincendio e cancro quando ha iniziato la sua carriera.

Tutto è cambiato nel 1998, quando un capitano dei vigili del fuoco di Eugene ha inviato a Fisher e ai suoi colleghi vigili del fuoco un messaggio chiaro.

Quando tornavamo alla caserma dei pompieri, il mio capitano diceva sempre a tutti: ‘Fai una doccia e lava via quel cancro dal tuo corpo’. È stato il primo nella mia carriera di cui ne abbia mai sentito parlare nei vigili del fuoco”, Fisher ha detto a Healthline.

Non era ancora abbastanza: 11 anni dopo, a Fisher fu diagnosticato un cancro ai testicoli.

Una legge dell’Oregon che riconosce il crescente numero di prove che collegano la lotta agli incendi e il cancro è stata approvata dalla legislatura statale appena in tempo per aiutare Fisher.

Ha subito un intervento chirurgico e ha subito la chemioterapia. Ora è in remissione.

L’elenco dei tumori in Oregon che si presume siano collegati alla lotta antincendio include testicolare, linfoma, leucemia, mieloma, polmone, cervello, seno e colon-retto.

Sono stato il primo reclamo ai sensi della nuova legge presunta, che afferma che una compagnia di assicurazioni deve dimostrare che il mio cancro proveniva da un luogo diverso dall’estinzione degli incendi“, ha affermato Fisher, che ora è un membro attivo del Firefighter Cancer Support Network (FCSN), un leader nazionale senza scopo di lucro nella battaglia contro il cancro professionale per più di un decennio.

Dal 2005, FCSN ha fornito assistenza e tutoraggio individuale a migliaia di vigili del fuoco malati di cancro e alle loro famiglie a livello nazionale.

Fisher ha affermato che fino a quando non verranno approvate leggi come quella dell’Oregon, la prima mossa delle compagnie assicurative sarà in genere quella di negare la richiesta del vigile del fuoco e lasciare che sia il dipendente a combatterla.

“Dalla mia richiesta, direi che la maggior parte dei vigili del fuoco dell’Oregon per fortuna non ha dovuto affrontare lo stesso combattimento che ho fatto io”, ha detto Fisher.