Perché alcune persone restano magre pur mangiando tanto?

La risposta, secondo uno studio condotto presso l'Università di Cambridge, è di natura genetica.

Ci sono domande che, quando si parla di alimentazione, sono più frequenti di altre. Tra questi, rientrano gli interrogativi legati ai motivi per cui molte persone, pur mangiando tanto, tendono a rimanere magre. Nelle prossime righe, vediamo assieme la risposta a questa domanda.

LEGGI ANCHE: Psillio: cos’è, benefici per l’intestino, controindicazioni

Come mai alcune persone non ingrassano anche se mangiano tanto?

Quando ci si trova davanti a una persona che pur mangiando tanto non ingrassa, capita spesso, se si tende invece a mettere su peso, a lasciarsi andare a considerazioni come “Non è giusto”, “Tutte le fortune agli altri”.

Bene, dietro al quadro sopra descritto, ci sarebbe una spiegazione scientifica molto chiara, illustrata in uno studio curato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Cambridge. Gli esperti in questione si sono concentrati sui dati di un’ampia coorte di soggetti. Nello studio sono state incluse 1.600 persone magre, 2.000 obese e, come gruppo di controllo, 10.400 soggetti considerati invece normopeso.

I partecipanti allo studio sono stati invitati a compilare un questionario relativo alle loro abitudini alimentari e allo stile vita. Cosa è emerso al follow up? Che gli scienziati sono stati in grado di calcolare il considdetto punteggio di rischio genetico di ciascuna persona.

Con questi dati alla mano, è stato possibile scoprire che abbiamo molto meno controllo di quanto possiamo pensare sul nostro peso. Le persone obese, come riferito dai membri del team scientifico sopra citato, hanno infatti un rischio genetico maggiore.

Questo, a detta dei ricercatori, potrebbe aprire le porte a sviluppi molto interessanti. Se si riuscissero infatti a trovare i geni che impediscono alle persone magre di ingrassare, si riuscirebbe anche, a loro avviso, a trovare strategie per aiutare chi, invece, non ha questo vantaggio.

LEGGI ANCHE: Calcoli renali: sintomi, cause, diagnosi, trattamento