Perché abbiamo sete dopo aver mangiato la pizza?

La risposta a una delle tante domande sulla ricetta made in Italy più amata del mondo.

perche la pizza fa venire sete

Ah, la pizza, alimento simbolo della cucina italiana nel mondo! Amata a tutte le latitudini, è legata a diverse curiosità interessanti. Tra queste è possibile citare il fatto che, molto spesso, dopo averla mangiata si avverte una sensazione di sete.

Come mai succede? Se vuoi scoprire le risposte a questo interrogativo, nelle prossime righe puoi trovare alcune curiosità interessanti.

Perché la pizza fa venire sete?

La pizza fa venire sete per motivi che, come spiegato in questo articolo dalla dietista Manuela Pastore, non sono legati solo ai tempi di lievitazione della pasta (è un pensiero che molti hanno). Anche il lievito scelto per la preparazione c’entra in parte.

perche la pizza fa venire sete

Quando si parla dei motivi per cui la pizza fa venire sete, è necessario chiamare in causa innanzitutto l’utilizzo di sale. La pizza ne richiede tanto fin dal principio della sua preparazione. Per rendersi conto della situazione basta ricordare che il sale è presente sia nell’impasto, sia in alcuni degli ingredienti principali, come per esempio la mozzarella. Cosa dire poi della passata? In poche parole: non ce ne rendiamo conto, ma la pizza è uno degli alimenti più ricchi di sale in generale.

In queste righe abbiamo parlato della ricetta classica della pizza margherita. Come ben si sa esistono tante altre alternative, come per esempio la pizza al prosciutto. In questo caso, si parla di un ingrediente che alza come pochi le dosi di sale presenti nel piatto completo.

LEGGI ANCHE: Alimenti che interagiscono con i farmaci: ecco quali sono

L’influenza degli enzimi

Se il sale è la risposta principale alla domanda “Perché la pizza fa venire sete?”, non si può certo dire che sia l’unica. Per avere un quadro completo della situazione è infatti necessario chiamare in causa pure gli enzimi, in primis il glucano e l’isomaltasi.

Questi ultimi, che hanno il compito di trasformare gli zuccheri complessi in zuccheri semplici in modo da fornire nutrimento ottimale ai lieviti, proseguono la loro attività anche oltre le 72 ore di lievitazione. Quando ingeriamo la pizza e li facciamo entrare nel nostro stomaco, agiscono infatti richiamando acqua e, di fatto, provocando una sensazione di sete non certo indifferente.

Come ovviare a questo piccolo problema? Gli esperti consigliano di scegliere pizze il più semplici possibile per quanto riguarda la preparazione, meglio se caratterizzate dalla presenza di verdure tra gli ingredienti. Un altro consiglio utile prevede il fatto di orientarsi verso pizze caratterizzate da un impasto con tempi di lievitazione pari a 24 ore. Concludiamo facendo presente l’importanza di accompagnare il consumo della pizza con dell’acqua, evitando se possibile gli alcolici, noti per avere un forte effetto diuretico.

LEGGI ANCHE: Broccolo gratinato al forno con besciamella.