Per quanto tempo vanno bene gli avanzi di cibo?

Gli avanzi di cibo possono essere un vantaggio sia per il tuo budget che per il tuo tempo. Sono anche un ottimo modo per ridurre lo spreco di cibo.

Sebbene sia intelligente essere parsimoniosi, mangiare cibo avanzato che è rimasto troppo a lungo dentro o fuori dal frigorifero potrebbe rappresentare un pericolo per la tua salute.

Potresti chiederti per quanto tempo questi alimenti possono conservarsi in sicurezza.

Questo articolo esamina per quanto tempo è sicuro mangiare gli avanzi, incluso come capire se un alimento è andato a male.

Tipi di cibi avanzati

Per quanto tempo gli alimenti rimangono al sicuro dipende da alcuni fattori, tra cui una preparazione sicura, una corretta conservazione e il tipo di cibo.

Se i tuoi avanzi sono verdure saltate o torte di pesce, influisce sul tempo che si possono conservare in sicurezza nel tuo frigorifero.

Questo perché alcuni alimenti sono più inclini a ospitare agenti patogeni come batteri o tossine che potrebbero farti ammalare.

Tuttavia, gli avanzi spesso mescolano gruppi di alimenti. In questi casi, una buona regola pratica è quella di eliminare per primo quale ingrediente del piatto si guasta. Ad esempio, un riso ai frutti di mare durerebbe solo quanto i suoi frutti di mare, che è un elemento a rischio più elevato rispetto al riso, come descritto di seguito.

Se non sei sicuro, è più sicuro gettare gli avanzi entro 3 giorni.

Alimenti a basso rischio

Frutta e verdura

Frutta e Verdura

BreakingNews24 su Telegram: il canale delle notizie dell’ultim’ora, iscriviti ora!

Tutta la frutta e la verdura cruda devono essere lavate accuratamente in acqua pulita prima del consumo e prima puoi mangiarle, meglio è.

La frutta fresca accuratamente lavata e tagliata si conserva generalmente per circa 3-5 giorni prima che inizi a perdere la sua freschezza.

Una volta cotte, le verdure rimanenti conservate in un contenitore ermetico di solito si conservano fino a 3-7 giorni in frigorifero. Le verdure in scatola cotte come fagioli o altri legumi generalmente durano 7-10 giorni con una corretta conservazione.

Frutta e verdura con un contenuto d’acqua più elevato, come pomodori, cetrioli e fragole, perdono la loro freschezza più rapidamente rispetto a quelli con un contenuto d’acqua inferiore come cavoli, patate e banane.

Questo potrebbe accelerare o rallentare l’orologio per quanto tempo potresti voler conservare il cibo prima di mangiare.

Pane

pane integrale

LEGGI ANCHE: Risotto alle zucchine, la ricetta completa.

Un altro elemento a basso rischio è il pane.

Il pane fatto in casa può durare circa 3 giorni a temperatura ambiente, mentre il pane acquistato in negozio sarà sicuro da mangiare per circa 5-7 giorni, a meno che non si veda la muffa. Il pane ammuffito non dovrebbe mai essere mangiato.

Conservare i pani in frigorifero aiuterà a prolungarne la durata di circa 3-5 giorni, anche se perdono qualità più a lungo rimangono lì.

Alimenti a rischio medio

La pasta cotta e i cereali come l’orzo e la quinoa si conservano fino a 3 giorni se adeguatamente conservati.

Se li congeli dopo averli cucinati, generalmente dureranno 3 mesi prima che inizino a perdere la loro freschezza.

Dessert e dolci di solito durano circa 3–4 giorni in frigorifero.

Alimenti ad alto rischio

Gli alimenti che comportano un rischio maggiore di intossicazione alimentare sono quelli che hanno un contenuto più elevato di proteine ​​e umidità, due caratteristiche che consentono a determinati microbi di crescere.

Riso cotto

LEGGI ANCHE: 6 coppie di cibo che non vanno mangiate insieme.

Un’eccezione a questa regola sopra descritta è il riso, che può trasportare spore di Bacillus cereus. Questo batterio produce tossine che possono causare malattie di origine alimentare.

Conservare e raffreddare il riso entro 1 ora dalla cottura e consumarlo entro 3 giorni.

Carne e pollame

La carne macinata e il pollame che sono stati cotti a una temperatura sicura possono durare in frigorifero per circa 1-2 giorni, a condizione che siano conservati a una temperatura pari o inferiore a 41°F (5°C).

Altre carni e pollame, come bistecche, filetti, costolette e arrosti, durano 3-4 giorni in frigorifero. Se li scongela prima di cuocerli, assicurati di farlo in frigorifero, mai sul bancone. Dopo lo scongelamento, cuocere entro 2 giorni.

Puoi anche scongelare usando il microonde, ma assicurati di usare subito il cibo.

Il salume aperto deve essere consumato entro 3-5 giorni dall’apertura. Allo stesso modo, le insalate fredde, come uova, tonno o insalata di pollo, dovrebbero essere consumate entro 3-5 giorni.

Crostacei, uova, zuppe e stufati

Le uova sono un altro alimento a rischio più elevato, poiché potrebbero trasmettere il batterio Salmonella. Le uova sode sgusciate dovrebbero essere consumate entro 7 giorni dalla cottura e refrigerate.

I crostacei e il pesce sono delicati, poiché possono ospitare molti agenti patogeni o tossine come l’istamina che potrebbero farti ammalare. Consumare gli avanzi che includono frutti di mare entro 3 giorni.

Zuppe e stufati, con o senza carne o pesce, durano generalmente 3-4 giorni in frigorifero.

Ristorante vs. pasti fatti in casa

Dovresti considerare che quando hai a che fare con gli avanzi dei ristoranti, non saprai quanto fossero freschi gli ingredienti prima del loro utilizzo.

Dovresti mangiare questi avanzi prima di quanto potresti consumare i loro equivalenti fatti in casa, entro 3-4 giorni.

Tuttavia, se il pasto avanzato contiene ingredienti crudi come pesce crudo o verdure, consumalo entro 24 ore.

Se volete restare aggiornati, seguiteci su Facebook cliccando qui.