Peli superflui nelle donne: quando preoccuparsi, cause e trattamento

Le principali cause dell'eccessiva crescita dei peli e quando preoccuparsi.

peli-superflui-donna

I peli, soprattutto per le donne, sono considerati un cruccio estetico. Per eliminare i peli superflui si spendono anche migliaia di euro. Quando li si nomina, è però necessario specificare che, in alcuni casi, possono essere un problema.

Se vuoi scoprire cosa fare in queste situazioni e soprattutto quali sono, seguici nelle prossime righe.

peli superflui donna

Peli superflui: quando sono un problema?

La peluria femminile diventa un problema nel momento in cui aumenta in maniera importante in aree come il viso, il petto, la schiena, i glutei, l’areola del capezzolo. In questi frangenti ricorrere ai trattamenti estetici è poco funzionale. Si risolve l’effetto esterno del problema, ma non si interviene su quest’ultimo alla base.

Quando la peluria della donna diventa eccessiva in zone normalmente glabre come quelle sopra citate si ha infatti a che fare con l’irsutismo. Nei casi in cui l’eccesso di peli è talmente importante da ricordare il corpo maschile, si parla, come ricordato dagli esperti della Società Italiana di Tricologia, di virilismo pilifero.

LEGGI ANCHE: Quali sono le cause del singhiozzo?

Diagnosi, cause e trattamento

Quando ci si trova davanti a segnali come quelli elencati nel paragrafo precedente, è il caso di contattare tempestivamente un endocrinologo o un tricologo. Per lo specialista sarà fondamentale l’anamnesi. Grazie alle informazioni ricavate da essa, il medico ha la possibilità di inquadrare meglio le cause. Ecco le principali:

  • Aumento della sensibilità agli ormoni androgeni
  • Anomalie a livello delle ovaie (p.e. ovaio policistico)
  • Tumori che provocano la produzione di ormoni androgeni
  • Ipotiroidismo o ipertiroidismo
  • Obesità

Fondamentale è specificare che, in alcuni casi, l’eccessiva presenza di peli nella donna è legata a una condizione che rientra senza bisogno di ricorrere a cure. In tali frangenti si parla infatti di irsutismo idipopatico, ossia di una situazione in cui il ciclo mestruale è interessato da anomalie o perché sta pian piano acquisendo regolarità – in adolescenza – o perché sta scomparendo per la menopausa. Un’altra causa dell’irsutismo idiopatico è riconducibile alla scarsa attività della proteina Shbg, che ha proprio il compito di impedire la sintesi del testosterone nella donna.

Come è chiaro dall’elenco – parziale – delle cause dell’irsutismo, le modalità di intervento dipendono dal fattore scatenante del problema. Giusto per fare un esempio ricordiamo che, in diversi casi, è stata individuata una diminuzione della peluria nelle donne obese a seguito di importanti perdite di peso.

Concludiamo facendo presente che, dal momento che i farmaci contro l’irsutismo possono provocare effetti collaterali notevoli, è cruciale attenersi alle indicazioni del medico per quanto riguarda i dosaggi.

LEGGI ANCHE: Orata all’acqua pazza: la ricetta facile.