“Omicron in Cina via posta dal Canada”, ma può davvero succedere?

Funzionari cinesi hanno affermato che il coronavirus potrebbe essere arrivato in città tramite un pacco postale dal Canada. I dubbi degli esperti canadesi.

Dopo che Pechino, la capitale della Cina, ha annunciato il suo primo caso di variante Omicron, i funzionari cinesi hanno affermato che il coronavirus potrebbe essere arrivato in città tramite un pacco postale dal Canada.

La dottoressa Supriya Sharma, consigliere medico capo di Health Canada, ha definito l’accusa “altamente improbabile”.

“Dovresti avere il coronavirus su un oggetto, dovrebbe sopravvivere attraverso tutto quel trasporto e tutte quelle circostanze”, ha detto l’esperto a CTV News Channel. “È altamente improbabile che ciò possa mai trasmettere il COVID-19”.

E il dott. Howard Njoo, vicedirettore della sanità pubblica presso l’Agenzia per la salute pubblica del Canada, ha affermato: “Senza dubbio l’esperienza in Canada, e penso in tutto il mondo, ha dimostrato che la principale modalità di trasmissione è attraverso l’aria, invece che un trasferimento da superfici inanimate”.

In un comunicato di ieri, lunedì 17 gennaio, il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) di Pechino ha affermato che Pechino ha riscontrato un caso della variante Omicron in una donna di 26 anni. Dopo aver condotto il tracciamento dei contatti, i funzionari hanno affermato che la donna non si è recata fuori dalla capitale e non è entrata in contatto con nessun positivo.

Tuttavia, il CDC di Pechino sostiene di avere esaminato la posta della donna, che comprendeva una lettera inviata il 7 gennaio dal Canada, arrivata a Pechino tre giorni dopo attraverso gli Stati Uniti e Hong Kong.

I funzionari cinesi hanno affermato che quel prodotto postale conteneva tracce della variante Omicron del virus SARS-CoV-2, in particolare nella carta all’interno della busta, anche se la donna ha affermato di avere toccato soltanto la superficie esterna del pacco.

“La possibilità di contrarre il virus attraverso oggetti stranieri non può essere esclusa”, ha affermato il CDC di Pechino.

“Questo non è affatto credibile”, ha detto a CTVNews.ca il dottor Colin Furness, esperto di epidemiologia delle malattie infettive dell’Università di Toronto, rimarcando che la trasmissione superficiale di COVID-19 attraverso la posta internazionale è altamente improbabile perché è improbabile che il virus possa sopravvivere durante il transito.

“La capacità del Covid-19 di sopravvivere sulla carta dipende in parte dalla ruvidità della carta stessa ma è improbabile che persista in uno stato attivo per più di un giorno o due”, ha concluso l’esperto.

LEGGI ANCHE: Il Covid-19 circolerà per sempre nel nostro Pianeta?