Molti pazienti morti con il Covid-19 avevano il virus nel cuore

Tre quarti delle vittime del Covid-19 ospitavano il virus SARS-CoV-2 nei loro cuori. Lo dice uno studio. I dettagli.

Tre quarti delle vittime del Covid-19 ospitavano il virus SARS-CoV-2 nei loro cuori. Lo dice uno studio dettagliato sul tessuto cardiaco e riportato su Sciencemag.org che fornisce informazioni su come l’infezione possa danneggiare il cuore e sull’utilità di alcuni trattamenti.

Joseph Maleszewski, patologo cardiovascolare presso la Mayo Clinic, non coinvolto nella ricerca, ha affermato che la scoperta «dipinge un quadro» della connessione tra il coronavirus e i problemi cardiaci.

Gli scienziati, nel dettaglio, hanno raccolto ampie prove del danno cardiaco nei pazienti con il COVID-19. In alcuni, ad esempio, sono stati osservati livelli elevati di troponina, la molecola rilasciata nel sangue quando il cuore è ferito. Altri hanno sperimentato un’infiammazione del ‘sacco’ che circonda il cuore e un’infiammazione del cuore stesso. Ma non è chiaro se questi problemi siano stati causati dal SARS-CoV-2 che ha attaccato il cuore direttamente o se il danno sia stato dovuto a una risposta immunitaria iperattiva.

Parte del problema è che gli studi precedenti sono contrastanti sul fatto che il SARS-CoV-2 possa invadere il tessuto cardiaco.

Comunque, attenendoci allo studio in oggetto, pubblicato su Modern Pathology, il SARS-CoV-2 era presente in 30 cuori e i pazienti hanno sperimentato fibrillazioni atriali, ritmi cardiaci veloci e irregolari, battiti cardiaci precoci o extra, rispetto agli altri pazienti coinvolti nello studio.

Tuttavia, non è chiaro se il coronavirus abbia direttamente attaccato il cuore in questi casi. La maggior parte delle cellule cardiache infette erano cellule immunitarie che il SARS-CoV-2 avrebbe potuto invadere in altre parti del corpo prima di raggiungere il cuore. Inoltre, non è chiaro se il coronavirus, piuttosto che le cellule immunitarie stesse, abbia causato i problemi.

Indipendentemente da questoo, lo studio può aiutare a spiegare perché lo steroide desametasone è così utile per alcuni pazienti. Il farmaco, infatti, è stato uno dei primi utilizzati per prevenire i decessi dovuti al COVID-19. Esso riduce l’infiammazione, quindi potrebbe avere frenato la presenza delle cellule immunitarie che ospitano il SARS-CoV-2 nel cuore. Solo il 50% dei pazienti trattati con il desametasone aveva il virus nel cuore rispetto al 90% dei pazienti che non lo assumevano.

Però, rispetto ai grandi studi clinici, il numero dei pazienti coinvolti in questo nuovo studio è piccolo, rendendo impossibile affermare che un farmaco possa proteggere il cuore meglio di un altro, come affermato da Nicholas Hendren, ricercatore di cardiologia presso il Southwestern Medical Center dell’Università del Texas.

LEGGI ANCHE: Come iscriversi al vaccino anti Covid-19 online?